Che cosa comporta la pianificazione successoria?

Cosa succede ai miei beni dopo la mia morte? Con una pianificazione successoria tempestiva, potete assicurarvi che la vostra volontà sia presa in considerazione per quanto riguarda il vostro patrimonio e che i superstiti siano sollevati.

L’essenziale in breve

  • Con una pianificazione successoria tempestiva, è possibile stabilire come deve essere distribuito il proprio patrimonio. Ad esempio, potete conservare i risultati della vostra pianificazione patrimoniale in un luogo sicuro. in un testamento.
  • Una conversazione con i futuri eredi può essere utile affinché comprendano e accettino le vostre volontà.
  • Professionisti come avvocati o consulenti fiscali possono aiutarvi nella pianificazione successoria.
  • Verificare il testamento o il contratto successorio esistente dopo la revisione del diritto successorio.

Che cos’è la pianificazione successoria e perché è importante?

Leredità comprende tutto ciò che il testatore lascia ai superstiti. Si può trattare di beni come denaro, immobili, oggetti di valore o azioni di società, ma anche di debiti. Nella pianificazione successoria ci si occupa del proprio patrimonio e si pianifica cosa farne. Nella pianificazione successoria si tratta di concretizzare questa pianificazione. Il testamento è un esempio di come si possono registrare le proprie volontà e regolare il proprio patrimonio.

Con una pianificazione tempestiva, potete quindi determinare la distribuzione della vostra eredità. In questo modo si stabilisce, nell’ambito della legge, chi sono gli eredi e quanto e come devono ricevere. Un piano successorio chiaro e comprensibile facilita la liquidazione e in particolare la divisione dell’eredità. Una pianificazione successoria tempestiva può anche contribuire a ridurre le imposte di successione (ad esempio, attraverso donazioni scaglionate). Inoltre, nell’ambito della pianificazione successoria, potete nominare un esecutore testamentario che gestisca l’eredità secondo le vostre volontà. Alcuni si occupano anche di direttive del paziente e/o mandato precauzionale o di stipulare un’assicurazione sulla vita come parte della loro pianificazione successoria.

Dopo aver pensato alla vostra pianificazione successoria, può essere utile parlare delle vostre intenzioni con i futuri eredi. In questo modo gli eredi possono comprendere meglio le vostre decisioni ed evitare malintesi.

Anche se non avete nulla da lasciare in eredità, ha senso affrontare il tema dell’eredità. Perché se si lasciano debiti più consistenti (ad esempio, un prestito bancario o un’ipoteca), vale la pena di informare tempestivamente gli eredi. In questo modo, gli eredi guadagnano un po’ di tempo per valutare se vogliono rinunciare all’eredità, visto il breve periodo di rinuncia.

Come funziona la pianificazione successoria?

La pianificazione patrimoniale inizia con la determinazione della propria posizione di partenza. Potete considerare la vostra situazione familiare e la composizione del vostro patrimonio. Ad esempio, le domande pertinenti sono se siete sposati, se e quanti figli avete, quali beni possedete e se ci sono debiti da considerare.

Se siete sposati, la prima cosa da fare è sempre la discussione sui diritti dei beni. Solo allora si potrà stabilire cosa smaltire. Una volta che si ha una visione d’insieme, si può stabilire come verrà distribuita la propria eredità senza bisogno di istruzioni. È importante sapere chi sono i vostri eredi legali e se siete vincolati da un contratto di successione, ad esempio.

Ora potete decidere fino a che punto volete discostarvi dalla normativa legale. Forse c’è un amico o una ONG a cui volete lasciare qualcosa. Tuttavia, potreste anche voler garantire che vostro marito o vostra moglie siano coperti nel miglior modo possibile in caso di morte. Per raggiungere questi obiettivi, sono a disposizione diversi strumenti, come il testamento o il contratto di successione.

Chi mi assiste nella pianificazione successoria?

Diverse persone possono assistervi nella pianificazione successoria. I possibili contatti sono, ad esempio, avvocati, notai, consulenti fiscali, banche o compagnie di assicurazione. Chi è più adatto dipende dalla questione in oggetto.

La revisione del diritto successorio influisce sulla mia precedente pianificazione successoria?

Avete già fatto testamento o contratto di eredità? Vale quindi la pena di rivederli alla luce delle nuove norme. Ciò è particolarmente consigliato per i testamenti e i contratti di successione redatti prima del 1° gennaio 2023, in quanto con la nuova legge si potranno avere più ampie possibilità di strutturazione. In questo articolo troverete maggiori informazioni sugli effetti della revisione del diritto successorio sulla pianificazione successoria.

Potrebbe anche interessarvi

Leave a Reply