Favorire il coniuge superstite

Se uno dei genitori muore, solitamente i figli hanno diritto a una parte della massa ereditaria. Se questo non dovesse andare bene invece, grazie al favoreggiamento massimo o all'usufrutto si può favorire il coniuge superstite.

Qual è il regolamento legale?

Prima della disputa successoria viene effettuata la divisione dei beni matrimoniali. Nel regime dei beni matrimoniali ci sono diverse masse – gli acquisti e i beni propri (vedi anche: Acquisti o beni propri?). Naturalmente, i beni propri del superstite rimangono in sua proprietà. I beni propri del defunto finiscono nella proprietà della successione. Il coniuge superstite e il patrimonio successorio si dividono a metà gli acquisti.
Durante la disputa successoria vengono quindi ripartiti la metà degli acquisti che spettano al coniuge deceduto e i suoi beni propri (cfr. anche: L’eredità di defunti sposati). Soprattutto nel caso della proprietà abitativa, il pagamento degli eredi rimasti può diventare problematico per il coniuge superstite.

Favoreggiamento massimo del coniuge

Una variante di come si possono favorire i coniugi è il cosiddetto aumento. La partecipazione per metà all’aumento (eccedenza degli attivi rispetto ai passivi degli acquisti di ciascun coniuge) prevista dalla legge nella liquidazione del regime dei beni è modificabile. Il codice civile dà ai coniugi la possibilità di assegnare all’altro l’intero aumento. Tuttavia, le porzioni legittime dei discendenti non comuni non possono essere violate.

Questa variante del regime dei beni matrimoniali del “favoreggiamento massimo” può essere scelta mediante una convenzione matrimoniale che viene autenticata pubblicamente dal notaio. Inoltre, i diritti dei figli possono essere circoscritti alla porzione legittima in un testamento. Ciò aumenta ulteriormente la possibile assegnazione al coniuge superstite. Il coniuge superstite riceverebbe così il totale degli acquisti e i cinque ottavi dei beni propri del partner deceduto.

Usufrutto

Un’altra variante di come si possono favorire i coniugi è l’usufrutto. Nel contratto successorio può essere concesso al coniuge superstite l’usufrutto dei tre quarti del patrimonio successorio. Il quarto restante può essergli assegnato come proprietà. Ciò significa che il coniuge superstite può utilizzare l’intero patrimonio coniugale. Questo assicura chiaramente il partner superstite. Ai “veri e propri eredi” rimane la “nuda proprietà” e possono disporre per intero dell’usufrutto solo dopo la morte del secondo coniuge. A questo proposito però, il coniuge superstite è obbligato a mantenere il valore del bene.

Da avvocati specializzati potete ottenere una consulenza approfondita su questo argomento. Potete trovare indirizzi per questo nell’elenco dei fornitori di servizi di DeinAdieu.

Su cosa si può riflettere:

  • Come è suddiviso il patrimonio del coniuge superstite in acquisti e beni propri?
  • Ha senso lasciare in eredità qualcosa ai miei figli nella loro situazione attuale?
  • Preferisco favorire completamente il mio coniuge?
  • In caso affermativo, quale metodo di favoreggiamento sembra più appropriato?

Potrebbe interessarvi anche:

Leave a Reply