Donazione di organi: come fare chiarezza

Informatevi sulla donazione di organi

Raccogliere informazioni per poter prendere una decisione informata

Scoprire di più

Fissare una decisione

Scrivete la vostra decisione riguardo la donazione di organi nella vostra direttiva del paziente

Scoprire di più

Parlare e condividere

Parlate della donazione di organi e informate chi vi sta vicino sulla vostra decisione

Scoprire di più

Donazione di organi – parlarne,
Prendere e fissare una decisione

Donare organi dopo la morte? Fate una dichiarazione scritta della vostra volontà e informate i vostri parenti. Questo crea chiarezza e garantisce l’attuazione della vostra volontà. Affrontate la questione della donazione di organi e prendete una decisione in merito. Registratela per iscritto nella vostra tessera di donatore e/o nella direttiva del paziente e informate i vostri parenti.

Cos’è la donazione di organi?

Nel caso di una donazione di organi, il donatore di organi fornisce al ricevente organi umani per un trapianto. La donazione di organi, tessuti o cellule può salvare vite umane e migliorare in modo sostenibile la qualità di vita.

Quali organi, tessuti e cellule possono essere donati?
Possono essere donati il cuore, i polmoni, il fegato, i reni, il pancreas (o gli isolotti pancreatici), l’intestino tenue, la cornea, le ossa e la cartilagine, le valvole cardiache, i vasi sanguigni e la pelle. Oggi le cellule staminali del sangue vengono prelevate solo nell’ambito di una donazione dal vivo.

Chi può donare?
Fattori decisivi per la donazione di organi sono la salute del donatore e la funzionalità degli organi e dei tessuti, motivo per cui organi, cellule e tessuti possono essere donati fino alla vecchiaia. Anche persone con determinate malattie possono donare.

Come si può fissare la decisione?

Avete diversi modi per fissare la vostra volontà. Per bambini e adolescenti che non hanno ancora compiuto 16 anni, la decisione sulla donazione di organi spetta ai genitori o ai tutori. Ogni persona che ha raggiunto i 16 anni può decidere da sola.

Legge federale sul trapianto di organi, tessuti e cellule

Il 15 maggio 2022, l’elettorato svizzero ha approvato la nuova legge sui trapianti, che entrerà in vigore non prima del 1° gennaio 2025. Ciò comporta il passaggio dalla soluzione del consenso esteso attualmente in vigore, alla soluzione dell’obiezione estesa. In futuro, quindi, le persone che non desiderano donare i propri organi dovrebbero registrare esplicitamente la loro volontà in un registro federale. Se il testamento della persona deceduta non è chiaro, i parenti prendono comunque decisioni per conto della persona deceduta in base alla loro presunzione.

Direttiva del paziente
Nella direttiva del paziente di DeinAdieu potete registrare quali misure mediche accettate e quali rifiutate, nel caso in cui non possiate più farlo voi stessi a causa di un incidente o di una malattia. Lì, potete anche inserire la vostra volontà per quanto riguarda la donazione di organi. Conservate la vostra direttiva del paziente presso una persona di fiducia, come il vostro avvocato, o depositatela presso il vostro comune. Fate conoscere la vostra direttiva del paziente ai vostri parenti in modo che non siano costretti a prendere decisioni per vostro conto nel caso della vostra incapacità di discernimento. Importante: se avete deciso di donare organi ma i vostri parenti sarebbero contrari, la legge sui trapianti stabilisce che la volontà del defunto ha la precedenza sulla volontà dei parenti. Dal punto di vista legale, gli organi possono quindi essere rimossi. In Svizzera, tuttavia, per motivi etici e morali, è stato stabilito che se i parenti si rifiutano di donare gli organi, essi non verranno prelevati. Proprio per questo motivo, è tanto più importante parlare della propria volontà con i propri cari – è così che si può garantire che la volontà venga eseguita dopo la morte (ulteriori informazioni sulla direttiva del paziente).

Tessera di donatore
Nella tessera di donatore potete registrare la vostra volontà di donare organi; portate questa sempre con voi o depositatela in un luogo noto ai vostri parenti. Potete accettare una donazione in generale o in modo differenziato, rifiutarla in generale o affidare la decisione in merito ad una persona di fiducia. Le informazioni sulla tessera di donatore non vengono registrate, per questo motivo è più sicuro registrare la volontà in una direttiva del paziente e parlare della donazione di organi con i parenti.

Registro di donazione di organi Svizzera
La fondazione nazionale per la donazione e il trapianto di organi, Swisstransplant, è l’organo nazionale di assegnazione responsabile dell’assegnazione degli organi ai riceventi, conforme alla legge, e gestisce la relativa lista d’attesa. All’indirizzo www.swisstransplant.org potete registrarvi e conservare la vostra volontà compilando un formulario.

Perché parlare della donazione di organi?

Fissare la vostra volontà è un passo importante. Informate la vostra famiglia e i vostri amici della vostra decisione, perché se la vostra tessera di donatore non viene trovata, si chiederà ai vostri parenti. Nel prendere la loro decisione devono tenere conto della vostra volontà presunta. Il processo è molto più semplice e veloce se conoscono già la vostra vera volontà. Inoltre, i vostri parenti non saranno ulteriormente gravati nella situazione di dolore.

Direttiva del paziente e redigere in maniera valida

  • Orientato alle vostre idee individuali
  • Inclusa la tessera per il portafoglio
  • Assolutamente gratuito – inclusa tessera per il portafoglio

Domande frequenti

Il testamento è adatto per registrare la mia volontà di donare organi?

Il testamento non è adatto per fissare la vostra volontà di donare organi, in quanto esso viene pubblicato solo tardi dopo la vostra morte. L’uso dei vostri organi, tessuti e cellule non è poi più possibile.

Quando entra in vigore il nuovo regolamento sulla donazione di organi?

La nuova legge sui trapianti entrerà in vigore non prima del 1° gennaio 2025. A quel punto si applicherà la cosiddetta “soluzione di contraddizione”: chi non vuole donare gli organi dovrà dichiararlo esplicitamente in un registro federale.

Cosa sono le misure mediche preparatorie?

Prima del prelevamento, sul donatore vengono eseguite misure mediche preparatorie per mantenere gli organi, i tessuti o le cellule in uno stato il più possibile funzionale fino al trapianto. Ciò include, ad esempio, la continuazione della respirazione artificiale già iniziata, la somministrazione di farmaci per regolare la funzione degli organi, ecc.

Cos’è la donazione del corpo?

Donando il vostro corpo all’Istituto di anatomia dell’Università di Zurigo, date un contributo essenziale alla formazione degli studenti di medicina e dei futuri medici specialisti. I potenziali specialisti chirurghi devono apprendere e praticare tecniche chirurgiche e nuove procedure che utilizzeranno in seguito sui pazienti, oppure tali tecniche devono essere sviluppate e testate. La donazione del corpo è quindi molto importante per lo sviluppo dell’insegnamento e della ricerca medica. Ulteriori informazioni su questo tema: Donazione del corpo (UZH).

Si ricevono soldi per una donazione?

La legge sui trapianti vieta il commercio di organi, tessuti e cellule. Le donazioni devono essere gratuite e non possono essere compensate finanziariamente.

Quali sono buoni motivi per scegliere la donazione di organi?

La donazione di organi può avere un effetto positivo su un massimo di 7 (o 9, se i polmoni e il fegato vengono divisi) vite. I trapianti spesso non solo consentono la sopravvivenza, ma contribuiscono anche a migliorare la qualità della vita.

Quali sono i requisiti legali per una donazione?

Organi, tessuti e cellule possono essere prelevati da una persona deceduta solo se la persona ha acconsentito al loro prelievo e la morte è stata constatata. In mancanza di un consenso scritto (tessera di donazione, direttiva del paziente), saranno i parenti più prossimi a decidere, tenendo conto della volontà presunta del defunto. Se non ci sono parenti, il prelievo di organi è proibito. Potete anche affidare la decisione ad una persona di fiducia (ad esempio in una direttiva del paziente).