„Vorrei ringraziare i testatori mentre sono ancora in vita“

Manuela Daboussi entra in gioco quando qualcuno lascia in eredità dei soldi alla Lega contro il cancro. All'inizio, ha avuto difficoltà con il fatto di non aver mai conosciuto queste persone. Ora attacca un cuore di carta alla parete del suo ufficio per ogni testatore. La speranza per un futuro migliore, che i defunti esprimono con un'eredità, dà sostegno alla quarantenne di Bienna.

Manuela Daboussi ha già affrontato teoricamente questioni relative alla giustizia, alla solidarietà e ai valori durante gli studi di sociologia. Nella sua vita professionale è da molti anni e con grande empatia sostenitrice del servizio alla comunità. Da giugno Daboussi è responsabile dell’area «eredità e legati» presso la Lega svizzera contro il cancro. Ha già scritto il suo testamento, ma vuole assolutamente parlare con la sua famiglia delle sue decisioni e nominare un’esecutrice testamentaria adatta. L’autrice di DeinAdieu Janina Gehrig ha parlato con lei del suo lavoro.

Come si crea il contatto con i potenziali testatori?

Spesso vengono da me quando hanno una domanda specifica sul testamento. Spesso si tratta anche di possibilità di vincolo con finalità. Quindi do suggerimenti secondo i loro desideri e li consiglio. Il più delle volte, tuttavia, scopro dall’autorità competente, l’ufficio eredità, che qualcuno ci ha lasciato in eredità denaro. Purtroppo più della metà dei testatori non li conoscerò mai perché non comunicano le loro intenzioni. Vorrei ringraziarli per il loro sostegno mentre sono ancora in vita.

Come affronta il fatto di non aver mai conosciuto i testatori?

All’inizio non mi sentivo bene. Ho pensato: ricevo posta solo quando qualcuno è già morto. La morte mette in moto una serie di processi. Ho in mano una notifica da qualcuno che lascia qualcosa, ma che non ho mai conosciuto. Ho dovuto trovare un modo per affrontarlo, per apprezzarlo comunque, per esprimere una sorta di «ultimo amore» per esso. Ora un post-it a forma di cuore è attaccato al muro del mio ufficio per ogni testatore con il suo nome sopra. Molti di quelli che vengono nel mio ufficio lo notano e ne parliamo brevemente.

Quanti cuori di carta ci sono?

Ci sono da 30 a 40 cuori nel mio ufficio.

“Io stessa ho scritto un testamento e ho preso in considerazione due organizzazioni.” © M. Friederich

La gente non vuole un grazie per i soldi lasciati in eredità?

No. Ma ora lo capisco bene. Ho scritto personalmente un testamento e ho preso in considerazione due organizzazioni. Neanche io ho il desiderio di raccontarglielo. Scrivere il testamento mi ha aiutato a schiarirmi e ad elaborare determinati sentimenti. Sono decisioni che si prendono per sé stessi. Non c’è bisogno di fare il passo fuori. A maggior ragione sono contenta di ogni persona che può dirmi personalmente che prende in considerazione la Lega contro il cancro.

Avete anche a che fare con i parenti?

Raramente. Nel caso dei legati, non vi è quasi alcun contatto con i parenti a meno che il testatore non abbia lasciato istruzioni specifiche. L’obiettivo primario è sempre quello di attuare la volontà del defunto insieme ai parenti all’interno del quadro giuridico. Succede che i superstiti abbiano difficoltà ad accettare che nel testamento sia stata presa in considerazione un’organizzazione senza scopo di lucro. Questo mostra quanto sia importante parlare con la famiglia dei propri desideri finali, qualcosa che continuo a sottolineare nelle conversazioni con i testatori.

Riceve altri feedback riguardo il suo lavoro?

Proprio la scorsa settimana un uomo il cui padre era morto mi ha detto che sua sorella era già morta di cancro. Hanno attraversato tutte le fasi del trattamento insieme come una famiglia fino a quando non c’è stata alcuna possibilità di guarigione. La famiglia si sentiva ben consigliata e sostenuta dalla Lega contro il cancro con tutte le sue domande e paure, motivo per cui il padre voleva lasciare all’organizzazione un’eredità. Il figlio ha detto che era importante per suo padre restituire qualcosa. Questa storia mi ha toccato molto. Questo è ciò che mi motiva a lavorare per la Lega contro il cancro.

In che modo la Lega contro il cancro aiuta concretamente?

Per molte persone, il mondo crolla quando vengono a sapere del cancro. Offriamo consulenza alle persone in tutti i settori della vita, ad esempio per quanto riguarda i loro diritti nei confronti dei datori di lavoro o dell’assicurazione sociale. Per noi è importante accompagnare le persone affette da cancro in modo sensibile e specifico durante l’intero percorso del paziente e essere al loro fianco anche dopo che si sono ammalati. La Linea cancro, ad esempio, è un’offerta di facile accesso per le persone colpite e i loro parenti. Spesso si tratta di argomenti come gestire gli effetti collaterali dei trattamenti, l’intimità e la sessualità con un partner malato o la questione di come la malattia dovrebbe essere comunicata ai bambini. Coloro che non amano telefonare possono contattare la Lega contro il cancro tramite chat o e-mail. Offriamo anche misure di prevenzione e precauzione.

Quanti soldi lasciano in media le persone alla Lega contro il cancro quando muoiono?

Varia molto. Ci sono legati di 500 franchi e eredità da due a tre milioni di franchi. Per me personalmente, l’importo non ha importanza. La dichiarazione di intenti che c’è dietro mi tocca. Le persone associano la loro ultima volontà alla speranza di un futuro migliore. Esprimono anche che il lavoro della Lega contro il cancro è importante per loro.

Quali visioni le vengono presentate quando accettate l’eredità per la Lega contro il cancro?

Molto spesso le persone lasciano soldi se i loro familiari hanno avuto il cancro. La Lega contro il cancro è un faro di speranza per loro. Le persone vogliono assolutamente che ci siano migliori possibilità di guarigione o una migliore diagnosi precoce. Spesso veniamo considerati da persone che sono sopravvissute ad una malattia, che hanno ricevuto aiuto da noi e poi vogliono restituire qualcosa dopo la loro morte.

Manuela Daboussi lavora con passione per la Lega svizzera contro il cancro. © M. Friederich

Che cosa la gente vuole vedere «emergere» dai propri soldi?

Consiglio di non definire lo scopo in modo troppo restrittivo. È possibile che alcune offerte, come un campo di arrampicata per giovani di membri della famiglia che soffrono di cancro, ad un certo punto non esistano più. L’80% delle donazioni ereditarie non è destinato a uno scopo specifico. Quando viene affermato uno scopo, di solito ha a che fare con una storia personale. Recentemente, una donna ha determinato che il suo denaro debba essere usato per la questione dell’amianto. Aveva perso il marito a causa di un cancro ai polmoni. Siamo riusciti a garantire che il suo denaro venga utilizzato per la nostra area «Cancro e ambiente». Lì sensibilizziamo l’opinione pubblica e i politici sui pericoli delle influenze ambientali dannose.

La Lega svizzera contro il cancro eredita tra i cinque e gli otto milioni di franchi all’anno. Dove vanno i soldi?

La maggior parte delle entrate va in sostegno concreto alle persone colpite e ai loro parenti: materiale informativo, la Linea cancro, la consulenza, la prevenzione e la ricerca. Provate a immaginare: 41000 persone in Svizzera ogni anno si ammalano ancora di cancro. Il 64 per cento di loro è considerato guarito dopo cinque anni. Laddove la diagnosi di cancro era la condanna a morte, oggi abbiamo già ottenuto molto. Stiamo combattendo per garantire che più persone possano essere curate dal cancro, motivo per cui anche le donazioni di eredità confluiscono in larga misura nel finanziamento della ricerca.

Quanto sono importanti le eredità per la vostra organizzazione?

Sono estremamente importanti. L’organizzazione è finanziata al 93% da donazioni private. Non otteniamo quasi alcun finanziamento dal governo. L’eredità rappresenta quasi la metà di tutte le entrate derivanti da donazioni private. Se si prende in considerazione la Lega contro il cancro, si dà un contributo significativo per aiutare le persone affette da cancro e le loro famiglie.

Come è arrivata a questa organizzazione?

Sono alla Lega contro il cancro solo da giugno di quest’anno. Mentre lavoravo per un’altra organizzazione, ho notato quanto mi piace il contatto con le persone anziane, quanto mi piace ascoltarle, consigliarle e supportarle. Vorrei aiutare a realizzare la visione della Lega contro il cancro: lavorare per un mondo in cui meno persone si ammalano di cancro o soffrono delle conseguenze del cancro.

La Lega svizzera contro il cancro (anno di fondazione 1910) è un’organizzazione senza scopo di lucro impegnata nella prevenzione del cancro, nel finanziamento della ricerca indipendente dall’industria e nel sostegno delle persone affette da cancro e dei loro parenti. Come organizzazione centrale nazionale con sede a Berna, riunisce 19 leghe cantonali e regionali. È finanziata principalmente da donazioni ed è certificata Zewo.

Rispondi