«Improvvisamente si ha a che fare con un’altra persona con cui bisogna ritrovare la comunicazione»

È stata attiva in politica per molti anni. Ora Giovanna Battagliero lavora come direttrice delle Case di formazione e residenza Rossfeld, dove circa 430 persone con disabilità congenite o dovute ad un incidente ricevono assistenza e terapie. Spiega come mai anche i loro parenti hanno spesso bisogno di sostegno.

Giovanna Battagliero è la nuova direttrice della Fondazione Case di formazione e residenza Rossfeld – un centro di eccellenza per persone con disabilità fisiche. © Manu Friederich

È stata membro del comitato esecutivo dell’Ufficio Federale delle Assicurazioni Sociali, presidente della SP Berna, membro del Consiglio Comunale e del Gran Consiglio di Berna e presidente dell’Associazione Commerciale di Berna per nove anni. Ora, da dicembre 2021, è la nuova direttrice della Fondazione Case di formazione e residenza Rossfeld, che sostiene l’integrazione professionale e personale delle persone con disabilità fisiche. Cosa cercava Giovanna Battagliero qui? «Qualcosa di più concreto», dice. «Nella mia nuova vita quotidiana ci sono le persone al centro. Il lavoro è molto significativo.» Anche in questo caso si occupa principalmente di questioni finanziarie e gestionali. «Apprezzo molto lo scambio quotidiano con i residenti, gli studenti e il personale e il feedback immediato. Ma anche che si possa vedere rapidamente un risultato dopo che le decisioni sono state prese», afferma.

Secondo Battagliero, il più grande centro di eccellenza per persone con disabilità fisiche della Svizzera tedesca offre assistenza per tutto il giorno, servizi di terapia e scolarizzazione a un totale di circa 430 persone di età compresa tra i quattro anni e l’età del pensionamento. Qui vengono istruiti circa 60 alunni provenienti da tutto il cantone. Per i bambini delle scuole c’è la possibilità di pernottare durante la settimana. «Attualmente abbiamo una decina di bambini che dormono qui per un massimo di quattro notti», spiega.

Esiste anche un servizio ambulatoriale in classi scolastiche regolari, grazie al quale 180 bambini vengono assistiti e accompagnati fuori dall’istituto. Inoltre, gli assistenti supervisionano gli apprendisti commerciali nel settore infermieristico, ad esempio, mentre possono frequentare le lezioni presso la scuola professionale regolare WKS KV Bildung Bern. «Questa è un’offerta unica». Gli adulti vivono in camere singole o doppie in gruppi residenziali. Nel coaching residenziale imparano a gestire nuovamente una casa, a organizzare il cibo, a cucinare o a pulire.

Il grande obiettivo è l’inclusione nella società

La maggior parte di loro, circa il 60%, soffre di un deficit di nascita, come la paralisi cerebrale o la spina bifida. Altri sono affetti da distrofia muscolare o sclerosi multipla, oppure hanno avuto incidenti o ictus che hanno provocato lesioni cerebrali traumatiche, tetraplegia o menomazioni cerebrali. «Sempre più spesso le persone vengono da noi direttamente dalla clinica di riabilitazione dopo un incidente o un ictus.»

Il grande obiettivo è l’inclusione nella società. «Vogliamo mettere le persone in condizione di poter andare per la loro strada, di condurre di nuovo una vita autodeterminata.» Ciò include anche, ad esempio, la possibilità per i giovani di ricevere una formazione e di integrarsi nel mercato del lavoro. Battagliero è fiduciosa. «Per quest’anno, tutti gli studenti della scuola superiore hanno già trovato una soluzione per il futuro.»

La bernese partecipa di tanto in tanto alle sedute di terapia, come l’ergoterapia o la fisioterapia. «È affascinante seguire i piccoli e grandi progressi dei pazienti», dice. E racconta di una donna, ad esempio, che ha subito un trauma craniocerebrale in un incidente in bicicletta e che ora fa un training cerebrale. Non si tratta solo di giochi di memoria, ma anche di cose quotidiane che un tempo funzionavano in modo così naturale, come ad esempio il cucinare: «Una donna doveva imparare di nuovo a scegliere una ricetta, preparare gli ingredienti, leggere le istruzioni e metterle in pratica grazie alla propria manualità», dice Battagliero.

«È affascinante seguire i piccoli e grandi progressi dei pazienti», dice Giovanna Battagliero. © Manu Friederich

Spesso devono essere accompagnati anche i parenti, per i quali può essere molto difficile affrontare la nuova situazione. Che si tratti di un peggioramento delle condizioni di salute o di un incidente: «Improvvisamente hanno a che fare con un’altra persona con cui devono ritrovare la comunicazione. Anche in questo caso, il nostro personale dà un grande contributo.» La fondazione conta circa 270 dipendenti di oltre 30 professioni.

La fondazione offre istruzione scolastica e anche un centro di assistenza diurna. I clienti lavorano ad esempio nel call center, scansionano album fotografici, si occupano della gestione degli indirizzi o degli ordini di spedizione. Negli ateliers lavorano con l’argilla e il legno o disegnano. I prodotti vengono venduti. Anche il movimento e lo sport sono un punto importante. Le lezioni di sport per gli studenti delle scuole professionali e le lezioni settimanali di ginnastica per gli adulti sono offerte in modo tale che tutti possano partecipare. «Inoltre, abbiamo una nostra squadra di powerchair hockey.» La fondazione si occupa anche della promozione dei giovani giocatori di hockey su sedia a rotelle elettrica. In agosto ci saranno i Campionati del Mondo a Nottwil.

Le menomazioni diventano più gravi, i clienti più anziani

Quali sviluppi state affrontando oggi? I progressi della medicina pongono nuove sfide all’istituzione, afferma Battagliero. Da un lato, molte più persone possono essere accompagnate verso l’indipendenza. D’altra parte, le menomazioni degli assistiti del Rossfeld diventerebbero sempre più gravi e gli assistiti sempre più anziani. «Quindi dobbiamo adattare i nostri servizi e la nostra assistenza e affrontare questioni come le cure palliative.»


E per cosa ha bisogno di donazioni la fondazione?

Pur avendo contratti di servizio con il Cantone di Berna e l’AI Berna, la Fondazione dipende dalle donazioni. Per tutto ciò che si vuole offrire in termini di attività ricreative, anche per le innovazioni e la digitalizzazione. Battagliero fornisce alcuni esempi. Un’altalena e una giostra accessibili alle sedie a rotelle, uno scivolo inclusivo o eventi di gioco al computer per i nostri bambini, giovani e adulti. «Senza le donazioni, le attività ricreative come le visite ai musei, i campi estivi o le escursioni con gli alpaca non sarebbero possibili», afferma. Tuttavia, questa varietà nella vita quotidiana è molto importante e promuove l’inclusione e la partecipazione. Per esempio, il bar, che viene gestito ogni venerdì sera e dove si incontrano giovani e meno giovani.

Battagliero, a quanto pare, è arrivata nel posto giusto. «Storie e destini mi toccano e mi motivano», dice Battagliero. Ad esempio, quella dell’ex residente Anik Mumenthaler, che sta prendendo in mano la propria vita. Ha completato l’apprendistato commerciale presso la Fondazione e poi la maturità professionale. Oggi lavora qui nella segreteria della terapia, vive in modo indipendente e gestisce 16 assistenti. O quella della residente Jasmin Lanz, che vuole riprendere in mano la sua vita dopo un grave incidente, come dice: «Nella formazione residenziale della Fondazione Rossfeld ricevo gli strumenti e gli incentivi per farlo. Per poter vivere presto in modo indipendente, ho imparato a lavare da sola i miei vestiti e a pulire la mia stanza.» Come prossimo passo si eserciterà a cucinare da sola.

Considerare la Fondazione nel testamento: https://www.deinadieu.ch/hilfswerke/stiftung-schulungs-und-wohnheime-rossfeld/

Leave a Reply