Tom Hofer: «Sono affascinato dal lavoro per le persone – con le persone»

Milioni di bambini e giovani non hanno la possibilità di andare a scuola. CO-OPERAID si impegna ad aiutare questi bambini.

Ci riconosciamo subito alla stazione di Sargans. Tom Hofer, raccoglitore di fondi presso l’organizzazione umanitaria svizzera CO-OPERAID è alto e magro. Felice e con un simpatico colpo di gomito. Vogliamo parlare del suo grande impegno. Sull’aiutare le persone ad aiutare se stesse.

Dal 2017 è responsabile della raccolta fondi di donatori privati presso CO-OPERAID. Ha conseguito una laurea in NPO-Management ed è un qualificato raccoglitore di fondi. Ha studiato anche pedagogia, teatro e arte. «Dal 2001 ho lavorato per varie organizzazioni senza scopo di lucro», dice. «Lavorare per l’educazione di persone svantaggiate è significativo. Sostengo al cento per cento i progetti CO-OPERAID. I nostri progetti forniscono ‹aiuto per l’auto-aiuto› e possono quindi contare su una rete sostenibile. Siamo attivi a lungo termine nelle aree e nei paesi dei progetti.»

«La nostra organizzazione è attiva in Africa e in Asia dal 1981. I nostri progetti aprono opportunità per le persone attraverso l’istruzione. Convinti che soprattutto i giovani possano creare migliori condizioni di vita attraverso l’istruzione. Inoltre, ci concentriamo sulla formazione e valorizzazione delle donne».

Tom Hofer, CO-OPERAID
Tom Hofer parla del suo lavoro in Bangladesh. L’altissimo livello di violenza contro le donne è spaventoso, afferma il 41enne. Ecco perché CO-OPERAID rafforza in modo specifico le donne. (Foto: Eddy Risch)

Ci sono storie che ti fanno a pezzi il cuore

Tom Hofer sa di cosa sta parlando. «Ho visitato i progetti in Bangladesh: vogliamo sostenere le donne e le ragazze lì con una formazione di base e professionale.»

«La violenza molto diffusa contro le donne è spaventosa», dice il 41enne. Nella regione di Bandarban, nei Chittagong Hill Tracts, giovani donne e madri acquisiscono competenze professionali in vari corsi. Appartengono alla minoranza etnica, la popolazione indigena di questa regione. «Inoltre, abbiamo creato una scuola professionale con il nostro partner locale nella città mercato di Thanchi. Garantiamo inoltre che i bambini delle minoranze etniche abbiano accesso all’istruzione di base attraverso le scuole dei villaggi locali.»

«Mi si è quasi spezzato il cuore quando ho letto sul giornale di un preside di una scuola nella capitale Dhaka che è dovuto andare in prigione per aver aggredito sessualmente una studentessa. Poi ha organizzato degli scagnozzi e hanno dato fuoco alla giovane donna.» La voce di Tom Hofer si interrompe, restiamo in silenzio sconvolti. Poi dice: «Fortunatamente, i media e le reti sociali possono aiutare sempre di più in maniera che il governo affronti questi crimini. Questo mi dà speranza per il futuro».

Tom Hofer
Tom Hofer ha trovato casa con sua moglie e i suoi figli a Winterthur-Seen. Ride e dice: «Apprezzo la spensieratezza con cui i bambini possono crescere in Svizzera. Questo non è un fatto scontato, ma un grande dono.» (Foto: Eddy Risch)

Un’infanzia spensierata è un dono

Tom Hofer e sua moglie Marianna si sono recati in Svizzera dall’Inghilterra nel giugno 2007. «Abbiamo trovato una nuova casa in questo bellissimo paese. I nostri figli Andreas e Matilda sono nati all’Ospedale cantonale di Winterthur.» Oltre alle attività sportive come l’escursionismo, la vela, la pallamano, il nuoto, il ciclismo, la lettura, la visita di musei e il cinema, la musica è un altro punto comune. «I bambini suonano il violino e il violoncello, Marianna sta imparando lo Schwyzerörgeli e io sto imparando il flauto contralto.»

«Apprezzo la spensieratezza con cui i bambini possono crescere in Svizzera. Questo non è un fatto scontato, ma un grande dono», afferma Tom Hofer. Continua dicendo che hanno rapidamente trovato parte nella vita sociale e culturale e hanno conosciuto molte famiglie attraverso i loro figli, attraverso la scuola e le associazioni.

Mentre sua moglie Marianna lavora nel settore della tecnologia medica, Tom Hofer si impegna ad aiutare le persone svantaggiate.

Tom Hofer sa cosa significa svantaggio. «Mia sorella è nata disabile. Ho assistito alla cosiddetta diversità e all’esclusione associata.»

Per lui si tratta di lavorare per e con le persone. «Sono affascinato da ciò che possiamo ottenere nel nostro piccolo ente assistenziale. Per poter finanziare questo lavoro è necessario trovare benefattori, donatori e madrine e padrini di progetti. Cerchiamo persone convinte del nostro lavoro.» In questi contatti, lo scambio personale è particolarmente importante per lui. È interessato al percorso personale nella vita e alle motivazioni alla base di una donazione. «Apprezzo molto questi incontri personali con i donatori.»

Tom Hofer
Tom Hofer apprezza lo scambio personale con i donatori. «Noi di CO-OPERAID, infatti, diciamo di essere un ente assistenziale personale.» (Foto: Eddy Risch)

Costruire relazioni personali come un ente assistenziale accessibile

«CO-OPERAID è un ente assistenziale di facile orientamento e quindi ‹personale›. I donatori possono passare per un interscambio, per un caffè o per pranzare insieme nel parco o al ristorante. Vogliamo vivere questa accessibilità nella nostra cultura organizzativa.»

Un gruppo di donatori molto fedeli sono le nostre madrine e i nostri padrini di progetti e temi. «Ci sono molti rapporti personali con loro che sono cresciuti nel corso degli anni.» Se qualcuno interrompe un padrinato, questo è accompagnato dalla malinconia. «Spesso sono le spese eccessive per le cure del coniuge che portano alla cancellazione.» Quello che molte madrine e molti padrini, ma anche donatori, sembrano non sapere: possono sostenere CO-OPERAID anche con un legato. Coloro che hanno a cuore l’istruzione dei bambini nelle regioni povere possono dare un segno oltre la fine della vita e garantire i progetti educativi di CO-OPERAID per il futuro. «Spero che noi di CO-OPERAID possiamo rafforzare le donazioni attraverso eredità e legati nei prossimi anni. Ringrazio tutti coloro che sono interessati e non vedo l’ora di sentirvi!»

Tom Hofer
Tom Hofer spiega come CO-OPERAID si impegna a favore dell’istruzione in Africa e in Asia. (Foto: Eddy Risch)

Milioni di bambini crescono senza istruzione

I figli di Tom Hofer sono nella 4° e 7° classe. Tom Hofer: «Hanno molte opportunità e possibilità aperte. Sono incoraggiati e sviluppano le loro capacità.» Per milioni di bambini e giovani nelle regioni sottosviluppate, invece, non c’è la possibilità di frequentare una buona scuola elementare o di apprendere competenze professionali. «Noi di CO-OPERAID ci impegniamo per questi bambini. Devono avere la possibilità di imparare qualcosa. Dovrebbero essere in grado di scoprire le proprie capacità e svilupparsi», afferma Tom Hofer. «Con il nostro impegno per il diritto internazionale dei bambini all’istruzione, siamo parte di un movimento. I nostri progetti in Africa e in Asia consentono l’istruzione e la formazione professionale per bambini e giovani provenienti da famiglie svantaggiate.»

Tom Hofer
Tom Hofer spiega come CO-OPERAID si impegna a favore dell’istruzione in Africa e in Asia. (Foto: Eddy Risch)

Vivere il sogno del cuore

Una frase di Tom Hofer è commovente. Ha detto che il suo lavoro non riguarda la quantità. «Per me, per noi si tratta di qualità. Così possiamo vivere il nostro sogno del cuore. Possiamo lavorare per l’educazione di bambini e giovani particolarmente bisognosi in Africa e in Asia.»

Foto: Eddy Risch, testo: Martin Schuppli

CO-OPERAID è partner di DeinAdieu. Il profilo

Rispondi