Da quale momento è valida una rinuncia ereditaria?

Il contratto di rinuncia ereditaria è un costrutto particolare in quanto ha effetti sia durante la vita che dopo la morte del testatore. È una disposizione a causa di morte che può avere effetti vincolanti già prima del verificarsi del caso di successione.

Requisiti formali per la conclusione

Nel caso della rinuncia all’eredità una persona rinuncia a parte o a tutti i diritti di una futura eredità. Questo deve essere fatto in accordo con il testatore. Il presupposto affinché una rinuncia all’eredità abbia effetti vincolanti è innanzitutto che sia conclusa in modo formalmente valido.

La rinuncia all’eredità è sempre almeno un negozio giuridico bilaterale. È necessario che più parti manifestino concordemente la loro reciproca volontà. In particolare, devono concordare se la rinuncia alla quota ereditaria dovrebbe avvenire a titolo gratuito o a titolo oneroso (contratto di fine ereditaria). In caso di rinuncia ereditaria a titolo oneroso è anche necessario concordare in cosa debba consistere il corrispettivo del testatore.

Ma non è tutto: poiché è nella natura delle disposizioni a causa di morte che esse riflettano «un’ultima volontà», cioè non sono modificabili dopo la morte del disponente, la legge pone requisiti speciali sulla forma della conclusione. La rinuncia all’eredità è un contratto successorio negativo. Questo deve essere concluso davanti a un notaio o ad un’altra persona officiale designata dal diritto cantonale (« autenticazione pubblica »). Tutte le parti contraenti devono simultaneamente e in presenza di due testimoni indipendenti dichiarare la loro volontà reciproca. Inoltre, devono confermare la correttezza della copia del notaio con le loro firme.

Da un lato, questo requisito formale consente alle parti contraenti di beneficiare della routine e della competenza di specialisti esperti che le informano in anticipo su ciò che è legalmente possibile e ciò che non lo è nell’ambito di una rinuncia ereditaria. In questo modo si evitano incomprensioni di contenuto o addirittura l’invalidità a posteriori del contratto di rinuncia ereditaria. D’altra parte, l’impegno e i costi legati all’andare da un notaio scoraggia le parti dal prendere decisioni affrettate e le spinge a fare le loro disposizioni in modo ponderato.

Chi, in qualità di testatore, regola disposizioni a causa di morte (cioè vuole produrre effetti giuridici dopo la propria morte), deve sempre dichiarare personalmente la propria ultima volontà. Altre parti coinvolte possono essere rappresentate. Tuttavia, questo non è sempre consigliabile, in quanto le relazioni di rappresentanza possono portare a incomprensioni o complicazioni. Pertanto, la persona rappresentata dovrebbe esprimere la propria volontà nel modo più chiaro e comprensibile possibile e nominare solo rappresentanti che godono della sua piena fiducia. La rappresentanza è un’opzione davvero sensata solo se la partecipazione personale alla conclusione del contratto sarebbe impossibile o comporterebbe uno sforzo sproporzionato.

Effetti e modifiche durante la vita

Una volta effettuata una rinuncia ereditaria formalmente valida, si pone la questione dei suoi effetti. La massima importanza è attribuita a questa forma di contratto successorio quando oggetto della rinuncia è il diritto alla porzione legittima. Questo perché il testatore, fino a queste porzioni legittime dei suoi parenti prossimi, può, nel quadro della quota libera, disporre unilateralmente dei suoi beni, anche senza il consenso dei suoi parenti.

Se, invece, solo i beni che appartengono alla quota libera sono oggetto di un contratto di rinuncia ereditaria, questo può avere due significati diversi: da un lato, le parti possono sottolineare il carattere consensuale della loro disposizione patrimoniale – in questo caso il significato è puramente dichiarativo. D’altra parte, può anche esserci l’intenzione di regolare disposizioni vincolanti per le parti e non più modificabili unilateralmente. Questo può includere, in particolare, la rinuncia all’eredità a favore di una terza persona.

Un esempio di rinuncia all’eredità

Padre Aaron conclude un contratto di rinuncia ereditaria con la figlia Beatrice. In esso, i due si accordano sulla condizione che l’eredità a cui Beatrice rinuncia vada a suo figlio (nipote di Aaron) Conrad.

Se questo contratto è valido, Aaron non può, in linea di principio, disporre nei suoi testamenti o in altri contratti successori qualcosa che sarebbe incompatibile con il lascito a Conrad. Se lo fa comunque, Beatrice e Conrad possono contestare quelle disposizioni che sono incompatibili con il contratto successorio e garantire così che il contratto successorio abbia l’effetto voluto di quando è stato concluso.

Resta comunque la possibilità per le parti di rescindere di comune accordo il contratto successorio, ovvero dichiararlo nullo. Per fare ciò, però, non è necessario recarsi nuovamente dal notaio: è sufficiente la forma scritta per rescindere un contratto di rinuncia ereditaria. Se le parti non si limitano a revocare il contratto di rinuncia ereditaria, ma ne modificano il contenuto, in modo che abbia effetti, ma diversi da quanto originariamente previsto, devono rispettare la forma dell’atto pubblico prescritta per la sua redazione (vedi sopra).

Inoltre, il testatore può annullare unilateralmente il contratto se un beneficiario si rende colpevole di un comportamento che costituirebbe un motivo di diseredazione (grave reato penale o violazione degli obblighi di diritto familiare nei confronti del testatore o delle persone a lui vicine).

Se, nel caso del contratto di fine ereditaria, il testatore si è impegnato a fornire una prestazione a vita, deve offrirla o consegnarla a tempo debito e in conformità al contratto. Se non soddisfa le pretese del partner contrattuale rinunciatario o le soddisfa solo in modo insufficiente, quest’ultimo ha il diritto di recedere dal contratto secondo le disposizioni generali del codice delle obbligazioni sui contratti.

Effetti in caso di successione

L’effetto principale della rinuncia all’eredità si dispiega dopo la morte del testatore, con la quale avviene l’apertura della successione. Mentre i testamenti devono essere presentati all’autorità competente e c’è una responsabilità personale, questo è facoltativo per i contratti successori. Tuttavia, al fine di consentire a tutti gli eredi di prendere atto del contenuto del contratto, è consigliabile presentarlo.

Usando l’esempio sopra:

Se Conrad non è parte del contratto successorio tra sua madre e suo nonno e loro non gliene parlano, senza apertura potrebbe non avere l’opportunità di conoscere il suo diritto all’eredità e di far valere i suoi diritti come erede o legatario.

Gli ulteriori effetti si basano sul contenuto che è stato concordato nel contratto di rinuncia ereditaria. In caso di rinuncia completa all’eredità, il rinunciante è completamente ignorato come erede e non può far valere né diritti pecuniari né diritti ideali (per esempio diritti di informazione) contro i coeredi. Nel caso di una rinuncia parziale, invece, viene ridotto solo il volume del diritto di successione, mentre gli altri diritti rimangono inalterati.

Se una rinuncia all’eredità è stata fatta espressamente a beneficio di alcune persone e queste non possono o non vogliono accettare l’eredità, la rinuncia è considerata nulla per legge. Se le parti contraenti desiderano evitare questo effetto, possono nominare degli eredi sostitutivi per questo caso.

Di nuovo l’esempio per chiarire:

Conrad muore poco prima di suo nonno Aaron in un tragico incidente sugli sci. Non può acquisire l’eredità, motivo per cui vengono ripristinati i diritti ereditari di sua madre Beatrice. Se sua sorella Daniela fosse stata prevista come erede sostitutiva per questo caso, sarebbe subentrata lei come erede. Nel caso della rinuncia ereditaria a titolo oneroso può succedere che ci sia una sproporzione tra la prestazione versata dal testatore durante la sua vita come importo per la rinuncia e il patrimonio ereditario. L’importo per la rinuncia viene quindi aggiunto all’eredità pura, ottenendo la massa per il calcolo delle porzioni legittime. Da ciò si calcolano le porzioni legittime degli eredi. Se, tuttavia, non c’è abbastanza patrimonio nell’eredità pura per coprire le porzioni legittime, l’importo per la rinuncia è soggetto all’azione di riduzione. Questo ha lo scopo di prevenire l’aggiramento del diritto imperativo alla porzione legittima attraverso un contratto di fine ereditaria con persone singole durante la vita.

Gli eredi possono quindi chiedere il rimborso delle liberalità devolute in vita fino a quando i loro diritti alla porzione legittima siano ripristinati e coperti integralmente.

Importante per voi

  • Volete fare una rinuncia all’eredità (contratto successorio negativo) o un contratto di fine ereditaria (oneroso)?
  • Notate che dovete rispettare i requisiti formali (autenticazione pubblica) nel caso della rinuncia all’eredità. Un contratto di rinuncia ereditaria senza notaio non è valido.

Potete trovare temi simili qui

Leave a Reply