Il legato – un’alternativa alla posizione di erede

Un legato dà a una persona un certo elemento patrimoniale senza diventare erede. Poiché, a differenza dell'eredità, ci sono altri diritti e doveri, la delimitazione è importante.

Che cos’è un legato?

Con un legato, tutti i beni monetari o materiali possono essere trasferiti da una persona all’altra in caso di morte. Può trattarsi, ad esempio, di un determinato importo, di un gioiello o di una proprietà. Se, invece, viene assegnata una percentuale fissa dell’eredità, si assume la posizione di erede. Il legatario ha un diritto di rivendicazione contro la comunione ereditaria. Questo significa che il legatario ha il diritto che gli eredi gli consegnino l’oggetto del legato. Può far valere questo diritto in tribunale se gli eredi si rifiutano di farlo.

Poiché le porzioni legittime degli eredi legali non possono essere violate, devono sempre essere prese in considerazione e rispettate anche nel caso di un legato.

Legato o eredità: qual è la differenza?

In un testamento o in un contratto successorio una persona può stabilire cosa deve accadere al suo patrimonio dopo la sua morte. Fa una notevole differenza se si parla di un legato o di un’eredità.

Un erede è un membro della comunione ereditaria. Egli riceve quindi una certa parte dell’eredità e in cambio è anche responsabile dei debiti del defunto (vedi anche: “Aiuto, eredito dei debiti!” – Rinuncia di eredità). Il legatario invece acquisisce il diritto di rivendicazione di un singolo elemento patrimoniale senza partecipare alla comunione ereditaria e alla copertura dei debiti. Al contrario, un legatario non ha lo stesso diritto all’informazione di un erede. È anche possibile unire i due istituti. Oltre alla sua quota ereditaria, un erede può anche beneficiare di un legato. È importante qui designare sempre il legato come tale.

Quando ha senso un legato?

Un legato è particolarmente utile quando si vorrebbe che persone che non hanno diritto all’eredità ricevano una devoluzione. I beneficiari possono quindi essere persone vicine, aziende o anche organizzazioni senza scopo di lucro. Poiché le organizzazioni senza scopo di lucro sono esenti dall’imposta sulle successioni in quasi tutti i cantoni, esse possono beneficiare pienamente del legato (vedi: Favorire un’organizzazione senza scopo di lucro). Le ONG ricevono quindi questa devoluzione a causa di morte e non devono preoccuparsi del resto della trasmissione ereditaria e degli obblighi associati.

Dovreste essere consapevoli di questo

  • Pensate a chi volete lasciare in eredità un legato senza fare di quella persona un erede. Ci sono organizzazioni senza scopo di lucro specifiche che vorreste sostenere con la vostra successione? Qui potete trovare organizzazioni affidabili.
  • Assicuratevi che il legato si riconosca nella vostra disposizione di ultima volontà e che lo designate chiaramente.
  • Spiegate ai vostri eredi e discendenti che volete lasciare un legato a una ONG. Così è più probabile che queste persone accettino questo legato. Leggete a proposito il nostro articolo sul blog.
  • Nel nostro download center trovate modelli per il contratto successorio e il testamento.

Potete trovare argomenti simili qui

Leave a Reply