“Jaro è la nostra sicurezza”: come un cane rende di nuovo possibile la vita in famiglia

Mentre prima il ragazzo iperattivo e autistico si calmava a fatica per ore, ora a volte si addormenta sul pavimento accanto al cane. Grazie al cane da assistenza per l'autismo Jaro, Tim può tornare a casa. La Fondazione Simpera li forma.

Quando ha visto la razza del cane per la prima volta, Andrea Keller ha pensato: “No, non fa per me”. Jaro, il Bergamasco, è uno di quei cani che ricevono i Dreadlocks fino a terra se non vengono pettinati quotidianamente. Uno di quei cani “in cui non si riesce a capire dov’è la schiena e dov’è il davanti”. Keller ride. Ricorda il giorno esatto in cui è andata a prendere Jaro. È successo il 9 giugno dell’anno scorso, dopo che lei, che studia musica, aveva appena terminato gli esami. All’epoca il cane aveva 12 settimane. Andrea Keller e suo marito, che non avevano mai tenuto un cane prima, non immaginavano che Jaro non avrebbe significato solo lavoro, ma soprattutto avrebbe portato molto relax nella loro vita familiare. Ora dice che Jaro è “perfetto” per lei. E non solo perché questa razza di cane perde poco pelo.

Tim, il figlio di nove anni di Keller, è autistico e iperattivo. È arrivato il momento in cui non poteva più frequentare la scuola tradizionale perché non riusciva a sopportare la pressione. E allo stesso tempo, anche a casa non era più gestibile. “Aveva attacchi d’ansia, era molto aggressivo, a volte non riuscivamo a calmarlo per ore quando scattava”, racconta Keller, che, come il suo figlio minore, ha spesso riportato lividi a causa delle liti con Tim. “Non avevamo più il coraggio di uscire in pubblico con lui. Tim aveva bisogno di assistenza 24 ore su 24, mi alzavo piangendo e non sapevo come avrei fatto a superare la giornata”. Quando anche i farmaci più forti non hanno più aiutato Tim, non hanno avuto altra scelta. Tim è stato ricoverato per alcuni mesi e successivamente è stato trasferito in un istituto scolastico. Torna in famiglia solo nel fine settimana. “Non lo volevamo davvero. Pensiamo che il bambino debba stare a casa”.

Rimaneva una speranza. Si trovava presso la Fondazione Simpera, che si occupa dell’addestramento di cani da assistenza. All’inizio, la famiglia visitava la fondazione di tanto in tanto e portava a casa un cane a ore. Il ragazzo, altrimenti molto irrequieto, si è poi seduto sul pavimento per un’ora e ha fatto i conti con l’animale. “Ma poiché quel cane non amava stare in mezzo alle persone e questo è già un problema di nostro figlio, non era il cane giusto. Volevamo aspettare un cane addestrato”. A maggio dell’anno scorso è arrivato il momento. La fondazione aveva un cucciolo da addestrare per la famiglia. “Dovevamo avere qualcuno che accompagnasse Tim”.

Keller mostra una foto. Tim sdraiato sul pavimento, dopo essersi addormentato accanto al cane il primo giorno. “Eravamo quasi in lacrime”.

“È stato un miracolo per noi”

Quando Tim è a scuola durante la settimana, “telefona” ogni giorno al suo cane Jaro tramite Facetime.

Improvvisamente, cose prima impensabili erano diventate di nuovo possibili. Un fine settimana nella casa delle vacanze della suocera. Una settimana di vacanza estiva per quattro persone. Una visita a una fiera autunnale. “È stato un miracolo per noi”, dice Keller. La famiglia deve ancora modificare i propri piani a seconda di come sta il ragazzo. Ma: “Jaro è la nostra sicurezza”.

Una visita dal dentista che era stata rimandata per quattro anni poteva finalmente avere luogo. “Abbiamo portato Jaro con noi fino all’ingresso. Era l’unico modo per far riparare a Tim il buco nel dente”. Da quando è arrivato Jaro, tornare a casa non è più un problema. Il ragazzo e il cane si salutano sulla porta e l’amico a quattro zampe può unirsi a loro per una lezione. Keller può andare di nuovo a un concerto, andare via per un po’. Grazie all’animale, Tim rimane concentrato e dimentica che è difficile essere soli.

“Penso che gli animali siano più facili da leggere”

Come lo spiega?

Da un lato, il cane percepisce immediatamente i sentimenti di una persona. D’altra parte, per le persone autistiche le persone sono esseri complicati. “Penso che gli animali siano più facili da leggere”, dice Keller.

Se Tim si agita, si siede accanto al cane e lo graffia. Il cane ora viene da solo quando si accorge che Tim sta avendo una crisi. “Jaro è l’unico che può farlo uscire da questo stato di disperazione e di rabbia. Jaro è neutrale, non parla, è semplicemente lì”. E a volte si sdraia sul bambino di nove anni per calmarlo con il suo peso. Anche il fratello minore beneficia di Jaro. “Spesso lo coccola con una mano e con l’altra fa i compiti”.

Keller vorrebbe che Tim potesse tornare a vivere a casa, possibilmente con la struttura di una scuola diurna. Finché non sarà possibile, Tim parla ogni giorno al telefono con la mamma, che si collega al cane tramite Facetime. E, come un cane guida per non vedenti, viene ancora addestrato dalla Fondazione Simpera. Lì impara a mediare o a intervenire ancora meglio nelle situazioni difficili.

“Riportiamo alla vita le persone con disabilità o in crisi. Con l’amore, la fedeltà e l’aiuto che solo un cane addestrato può dare. I cani possono ottenere risultati straordinari con le persone con esigenze speciali”. È così che Marc Fehlmann descrive il lavoro dell’associazione Fondazione Simperache non solo addestra cani guida e cani da assistenza per non vedenti, ma anche cani da assistenza per l’autismo. La fondazione Flaach offre anche interventi assistiti dagli animali in case di riposo e di cura, ospedali, centri per disabili e scuole. Gli animali aiutano le persone con limitazioni o disabilità fisiche o mentali a partecipare alla vita sociale in modo autodeterminato e a superare i limiti, afferma Fehlmann, che ha fondato la fondazione.

Leave a Reply