Alexandra Zeiter, avvocata specializzata in diritto successorio: „Vedo molte storie di famiglia.“

Alexandra Zeiter consiglia persone nella stesura di testamenti, rappresenta parenti che devono essere privati della loro eredità e sostiene ONG che devono lottare per i loro soldi. Anche l'avvocata specializzata in diritto successorio e docente presso l'Università di Zurigo ha tenuto conto delle ONG nel proprio testamento.

Lei è un’avvocata specializzata in diritto successorio, ma lavora anche con ONG. Quali sono gli obiettivi principali del suo lavoro?
Alexandra Zeiter: Noi avvocati di diritto successorio supportiamo classicamente i nostri clienti nella pianificazione successoria. Ciò include non solo la redazione di testamenti o la conclusione di contratti successori e contratti matrimoniali, ma anche la consulenza in relazione a donazioni in tempo di vita. Rappresentiamo anche persone in divisioni ereditarie, come eredi che sono stati favoriti o esclusi, spesso anche in procesi giudiziari. Siamo anche nominati come esecutori testamentari. Le ONG entrano in gioco, ad esempio, quando sono state considerate nel testamento di una persona deceduta. Spesso le ONG si rivolgono a noi quando sorgono problemi per questo motivo.

Altrimenti, la mia esperienza mostra che di solito è più facile favorire le ONG con legati, invece che nominarle come eredi.

Ci sono spesso conflitti con i discendenti?
Succede ogni tanto. Per alcuni discendenti è difficile accettare che le ONG ricevano parte dell’eredità. Ho visto spesso che si aspettano che le ONG rinuncino ai loro diritti. Più e più volte le ONG sono addirittura messe sotto pressione con la minaccia di fare la cosa pubblica se insistono sulla loro eredità.

Come si possono prevenire tali conflitti?
È ideale se il testatore include la sua famiglia, in particolare i suoi discendenti, nella sua pianificazione successoria. Questo è sempre il mio consiglio: discutete le vostre disposizioni con i figli, coinvolgeteli. È più facile quando sostengono quanto deciso. Altrimenti, la mia esperienza mostra che di solito è più facile favorire le ONG con legati, invece che nominarle come eredi. Naturalmente, ho avuto casi nel mio studio in cui la divisione ereditaria non era problematica, sebbene le ONG fossero considerate come eredi. Tuttavia, questi sono spesso casi in cui il defunto non ha lasciato parenti stretti, né coniugi, né figli.

Solo una persona su quattro in Svizzera fa testamento. Perché sono così pochi?
Uno dei motivi principali è certamente che le persone sono riluttanti ad affrontare la propria morte. Ci sono anche molte persone che non sono consapevoli che potrebbe essere necessario un regolamento per loro. E in terzo luogo, un numero significativo di persone confida semplicemente che la legge abbia già la regolamentazione giusta per il loro caso.

Inoltre sconsiglio di depositarlo in un caveau di una banca . Il caveau della banca può essere aperto solo dagli eredi, e chi è erede è a sua volta determinato dal testamento.

Come si deve procedere se si vuole che venga redatto un testamento? Si può scriverne uno a casa e metterlo in un armadio?
Ci sono molte persone che cercano informazioni su internet e poi scrivono il loro testamento. Non è sbagliato, ma consiglio in ogni caso di discutere il testamento con uno specialista e farlo controllare da lui – nel caso lo si abbia già scritto. Una consulenza come questa è secondo me denaro ben investito. Infatti è facile dimenticare qualcosa o una formulazione è imprecisa. I testamenti poco chiari e incompleti sono le ragioni principali delle discussioni e delle controversie tra gli eredi. La questione centrale, tuttavia, è dove è archiviato il documento. Sconsiglio vivamente di depositarlo ovunque a casa.

“Ogni caso è unico per me.” – Alexandra Zeiter (Immagine: Djamila Grossman)

Perché?
Il testamento potrebbe non essere trovato o potrebbe cadere nelle mani sbagliate. Questo deve essere evitato a tutti i costi. Inoltre sconsiglio di depositarlo in un caveau di una banca. Il caveau della banca può infatti essere aperto solo dagli eredi, e chi è l’erede è a sua volta determinato dal testamento. La cosa migliore da fare è depositare il testamento presso un ente ufficiale e consegnarne una copia a qualcuno di cui ci si fida. Nel cantone di Zurigo, ad esempio, i testamenti possono essere depositati presso l’ufficio notarile. Un caso del mio studio mostra quanto sia importante depositare il testamento in un luogo dove possa essere trovato quando si muore. Una persona morì senza discendenti diretti. Gli eredi legali erano i nipoti. Questi distribuirono l’eredità secondo le regole della legge. Cinque anni dopo che la divisione ereditaria era stata completata, una banca ha presentato un testamento del defunto, apparentemente aveva saputo solo dopo della morte. In esso, due vicini furono nominati come eredi. Alla fine, i nipoti dovettero pagare tutta l’eredità ai vicini, in parte avevano già esaurito i soldi. Quindi un testamento non ha data di scadenza.

Quindi il suo lavoro è spesso molto emozionante?
Quando le persone chiedono consiglio per redigere un testamento, di solito la situazione è molto concreta. La situazione è spesso diversa nei casi in cui siamo coinvolti dopo la morte. Quindi diventa spesso molto emotivo, rumoroso e lacrimoso.

Lei ne vive molte …
Sì, è questo che rende il mio lavoro anche così interessante. Vedo molte storie di famiglia, probabilmente come uno psicologo. E ogni caso è unico in sé. Il diritto successorio è molto più di un semplice campo del diritto. Dietro al diritto successorio ci sono emozioni e storie che solo la vita può scrivere.

Alla gente piace litigare per i soldi?
Sì, anche se spesso le persone dicono che è tutta una questione di principio. Si tratta più spesso di ferite familiari o – anche soggettivamente percepite – ingiustizie che risalgono alla prima infanzia, quindi una sorta di rendiconto.

Chi fa testamento: solo persone anziane, malate e molto facoltose?
Per lo più persone anziane o malate. Loro sono più consapevoli che la vita non è infinita. Tuttavia, non dipende tanto dal patrimonio, ma spesso la situazione familiare e personale è decisiva per la redazione di un testamento.

Non dovrebbero tutti fare testamento prima di lasciare il mondo?
No, ma tutti dovrebbero chiedersi cosa vogliono e confrontare questi desideri con la soluzione che la legge prevede per il loro caso. Si può giungere alla conclusione che non è necessario un testamento. Molti consulenti dovrebbero essere più coraggiosi a questo proposito e consigliare a un cliente di non regolamentare nulla se non c’è bisogno di regolamentazione.

Sì, e ho anche preso in considerazione le ONG. Sono ONG che si concentrano non sugli animali, ma sulle persone.

Chi tiene conto delle ONG o degli enti assistenziali?
Ho notato nel mio studio che spesso sono persone senza figli. Molte di queste persone si chiedono se il loro patrimonio debba effettivamente andare ai nipoti con i quali non hanno mai avuto una relazione. Inoltre, le persone legate a un argomento specifico spesso favoriscono una ONG, come gli amanti degli animali o le persone che hanno un figlio disabile. Queste persone quindi spesso avvantaggiano organizzazioni o enti assistenziali che si dedicano a questo particolare argomento.

Quali sono le somme?
Completamente differenti. Ho già avuto casi in cui le ONG hanno ricevuto molti milioni di franchi. E poi ci sono legati di importi inferiori.

Ha già scritto un testamento?
Sì, e ho anche preso in considerazione le ONG.

Quali?
Questo non lo rivelerò (ride). Ma sono ONG che non si concentrano sugli animali, ma sulle persone.

Alexandra Zeiter (47) lavora come avvocata da oltre 20 anni e da 15 anni come Avvocata specializzata in diritto successorio. Nel 2011 lei e due soci hanno fondato uno studio legale che si occupa esclusivamente di casi di diritto successorio. Lo studio legale dispone ora di sei esperti di diritto successorio. Dal 2014 Alexandra Zeiter è docente di diritto successorio presso l’Università di Zurigo. Fino a poco tempo fa ha anche insegnato diritto successorio e diritto di famiglia nelle Università di Lucerna e Friburgo.

Rispondi