Lea Moliterni: «I testatori sono consapevoli della fragilità umana»

La storica Lea Moliterni lavora come responsabile della raccolta fondi della Croce Rossa per il Canton Zurigo. Ha parlato con DeinAdieu del suo lavoro e della motivazione delle persone a sostenere un'organizzazione senza scopo di lucro.

Chi conosce Lea Moliterni sperimenta un momento di felicità. La responsabile dei principali benefattori, legati e delle fondazioni della Croce Rossa Svizzera per il Canton Zurigo incanta i suoi interlocutori con naturale felicità, con molta empatia e molta conoscenza. La storica lavora presso la Croce Rossa per il Canton Zurigo dal 2013. L’autore di DeinAdieu Martin Schuppli l’ha incontrata prima del periodo Corona per l’intervista.

Signora Moliterni, qual è il suo ruolo nell’organizzazione?
Lea Moliterni: Ho diversi incarichi alla Croce Rossa di Zurigo. Da un lato, sono un’appassionata responsabile della raccolta fondi, quindi raccolgo denaro, motivo per cui sono in stretto contatto regolare con benefattori, donatori e fondazioni. La mia «specialità» sono le grandi donazioni, cioè quei contributi individuali che danno un contributo significativo al successo di interi progetti e attività.

Si è specializzata in previdenza.
Esattamente. Da diversi anni consiglio i nostri sostenitori su tutte le questioni relative all’eredità, testamenti e previdenza.

Come me lo devo immaginare?
Da un lato, ci sono conversazioni personali e consulenze individuali. D’altra parte, organizziamo eventi sull’argomento. Lì diamo agli interessati lo spazio e il tempo per porre domande. E le persone si rendono conto che non sono le uniche che hanno domande, che sono insicure.

E questo calma?
Sì, è così. Dopo una conferenza, un’anziana signora mi ha detto: «Ecco, ora non ho più paura di morire.» Questo mi ha toccato infinitamente.

Vi interessa anche la parte storica del lavoro della CRS?
Esattamente. Lavoro anche come storica per la Croce Rossa, occupandomi di tutto ciò che è «storico». Descrivere questo compito entusiasmante prenderebbe troppo tempo ora (ride). Ci sarebbe abbastanza materiale per un’altra storia. Ad esempio, i bambini migranti provenienti da ex paesi di guerra che sono venuti in Svizzera per riprendersi.

Martin Schuppli: Ricordo che abbiamo ospitato i bambini Bukow di Berlino per molte estati negli anni ’60.

Lea Moliterni: «La Croce Rossa per il Canton Zurigo è finanziata circa per metà da donazioni.» (Foto: Paolo Foschini)

Quali compiti svolge la CRS per il Canton Zurigo?
Siamo a disposizione di tutti coloro che nel cantone hanno bisogno di aiuto. Le cose più conosciute che facciamo sono il nostro servizio trasporti e la chiamata di emergenza. Sono utilizzati principalmente dagli anziani. Ma abbiamo anche una fantastica Croce Rossa Giovani, che svolge oltre 20 attività per bambini, giovani e anziani. Poi la nostra vasta gamma di aiuto e consulenza per le persone bisognose, per le persone con malattie mentali, per le famiglie in situazioni eccezionali, ecc. Come potete vedere, siamo orientati in modo molto ampio.

Come vi finanziate? Ci sono contributi governativi oltre a donazioni e eredità?
La Croce Rossa per il Canton Zurigo è finanziata circa per metà da donazioni. L’altra metà viene generata con entrate da varie offerte e servizi a pagamento, ad esempio dal nostro centro di formazione a Winterthur, specializzato nella formazione di infermieri e assistenti.

Quanto sono importanti per voi le entrate da eredità e legati?
Sempre più importanti. Vediamo un grande potenziale qui per il futuro, perché il tradizionale mercato delle donazioni sta diventando sempre più volatile, cioè instabile e incostante. Chiunque decida di lasciare un’eredità o un legato, tuttavia, prende una decisione consapevole e contribuisce in tal modo al lavoro sostenibile dell’ente assistenziale.

Responsabile della raccolta fondi Lea Moliterni di CRS ZH
Lea Moliterni: «Ci sono persone che vogliono semplicemente lasciare un legato, per così dire, provocare qualcosa oltre la morte.» (Foto: Paolo Foschini)

Potete descrivere le persone che lasciano un’eredità alla vostra organizzazione?
Sono persone diverse che hanno qualcosa in comune: sono consapevoli della fragilità umana. E non hanno paura di affrontare il tema della propria morte.

Alimentati dall’amore verso il prossimo?
Così si può dire, sì. Ad esempio, alcuni vogliono impedire che il loro cane finisca al canile dopo la loro morte. Altri si preoccupano della pace familiare, che vedono minacciata da un’eredità. Altri ancora vogliono semplicemente lasciare un legato, per così dire, provocare qualcosa oltre la morte. Una donazione testamentaria è molto adatta a questo scopo.

Cosa spinge queste persone a farlo?
Ad esempio la nostra consulenza personale e tecnicamente competente. In seguito, molti sono disposti a lasciare parte del loro patrimonio alla Croce Rossa.

Responsabile della raccolta fondi Lea Moliterni di CRS ZH
Quasi tutti noi abbiamo un legame con la Croce Rossa, dice Lea Moliterni. «Ognuno di noi conosce persone che usano il numero di emergenza o il servizio trasporti della Croce Rossa.» (Foto: Paolo Foschini)

Ci sono anche donatori che tengono conto della vostra organizzazione e che non conoscevate prima?
Sì, succede anche questo. Il nostro marchio è molto conosciuto e le persone si fidano della Croce Rossa. Questo è probabilmente uno dei motivi per cui veniamo regolarmente presi in considerazione nel testamento da persone a noi sconosciute.

Quasi tutti noi abbiamo un legame con la Croce Rossa.
È così. Qualcuno in famiglia usa il numero di emergenza, il vicino è autista della Croce Rossa da molti anni, la figlia si è formata come babysitter, uno zio ha frequentato il corso di cure palliative, ecc.

Ciò influisce?
Sì, molto. Fondamentalmente, abbiamo la seguente esperienza: soprattutto con le eredità, il lungo termine gioca un ruolo importante (ride). Dopo tutto, l’organizzazione dovrebbe ancora esistere dopo la morte di un testatore o una testatrice. E in qualche modo nessuno dubita che la Croce Rossa esisterà ancora tra dieci, venti, trent’anni. Finché le persone avranno bisogno di aiuto, ci impegneremo e questo – purtroppo – sarà così ancora per molto tempo.

Come si può rendere i donatori consapevoli della donazione testamentaria senza apparire irrispettosi?
L’irrispettosità non è affatto un problema per me. Fornisco consulenza seria, empatica e attenta a quelle persone che vogliono prendersi cura della loro previdenza e pianificare la loro eredità. Molti sono sovraffatti dalle domande che sorgono e sono grati per una consulenza esterna.

Infine: Signora Moliterni, ha organizzato il suo «ultimo ufficio», ha fatto testamento?
Lea Moliterni: Ovviamente ho scritto il mio testamento. Tuttavia, il luogo di deposito non è ideale. Si trova in mezzo al mio libro di cucina preferito, ma mio marito lo sa.

Perché dice: ovviamente …
Ebbene, chiunque lavori con questi argomenti in modo professionale e «vive» e basta, senza guardare al futuro, è semplicemente non credibile.

Responsabile della raccolta fondi Lea Moliterni di CRS ZH
Ha depositato il suo testamento nel libro di cucina preferito. Lea Moliterni, entusiasta responsabile della raccolta fondi della Croce Rossa per il Canton Zurigo. (Foto: Paolo Foschini)

E quale, cara Signora Moliterni, è il suo libro di cucina preferito?
L’opera classica quasi centenaria «Il talismano della felicità» di Ada Boni. Era l’italiana Elisabeth Fülscher. La prima edizione apparve nel 1927 con 800 ricette. In questo libro di cucina di culto, le donne imparano cose come separare lo zoccolo dal piede prima di soffriggere sul fuoco.

Il piede brasato senza zoccolo non sarà la vostra ricetta preferita? (ride) No, sono i carciofi ripieni al forno.

Potete dirci i dettagli?
Perché chiedete così gentilmente (ride). I carciofi sono ripieni di prezzemolo italiano a foglia larga, aglio, pane vecchio, sale, pepe, olio d’oliva e pecorino. Quindi vengono cotti al forno con una grossa porzione di acqua salata. Sono in trono come regine in mezzo a patate intere, cipolle intere, alloro e pomodorini interi.

Allora vi auguro buon appetito, grazie per la conversazione e per la ricetta.

Intervista: Martin Schuppli, foto: Paolo Foschini

Ecco le informazioni del profilo DeinAdieu di CRSCZH

Croce Rossa Svizzera Canton Zurigo
Drahtzugstrasse 18
8008 Zurigo
www.srk-zuerich.ch

Rispondi