Eredità: la divisione dell’eredità

Dopo la morte del de cuius deve essere chiarito chi ha diritto all'eredità. Poi viene determinato il patrimonio e diviso tra gli eredi. In base alla disposizione del testatore nel testamento, l'esecutore testamentario divide l'eredità.

La successione ereditaria viene aperta

Prima di tutto si pone la domanda di chi ha diritto all’eredità alla morte di un testatore. Gli eredi legali o istituiti per testamento diventano una comunione ereditaria al momento della morte del defunto. Per il momento hanno diritto all’intera eredità solo congiuntamente. Essi sono solidalmente responsabili dei debiti del defunto e diventano comproprietari dell’eredità non ancora divisa se non vi rinunciano entro il termine previsto (rapporto di proprietà comune). La comunione ereditaria continua ad esistere fino al completamento della divisione ereditaria.

La divisione dell’eredità

Il secondo passo è dividere l’eredità acquisita congiuntamente. Ciascun erede può richiedere autonomamente la divisione dell’eredità. Se questa non avviene, c’è anche la possibilità di un’azione di divisione. In linea di principio, gli eredi possono concordare liberamente la divisione tra di loro. Possono (in caso di unanimità) anche agire contro le istruzioni del testatore nel testamento. Se gli eredi non riescono a mettersi d’accordo su chi debba ricevere quali oggetti, entra in gioco la cosiddetta „formazione di lotti“, in cui i beni ereditari vengono attribuiti in modo casuale a un erede.

Fondamentalmente si applica la parità di diritto fra gli eredi. Questo significa anche che i doni che i discendenti hanno ricevuto durante la vita del testatore sono soggetti a collazione se vanno oltre i consueti regali d’occasione. Nella divisione dell’eredità non c’è alcun privilegio del figlio maggiore o qualcosa di simile, come a volte si sente dire dalla gente.

La divisione avviene mediante divisione reale (in natura) o mediante contratto di divisione. Per alcune cose della successione può anche avere senso accordarsi su una „comunione ereditaria continua“. Questo può essere il caso, per esempio, se diversi eredi desiderano continuare a condividere una casa di vacanza dei genitori defunti. Gli eredi concordano quindi che la comunione debba continuare in relazione alla casa di vacanza.

Sostegno nell’ambito di eredità

Un esecutore testamentario esegue il testamento per conto del testatore. Durante l’esecuzione della divisione e gli altri suoi compiti, è obbligato a tenere informati gli eredi in modo continuo riguardo la liquidazione dell’eredità. L’esecutore testamentario prepara la divisione dopo aver ottenuto un quadro della situazione finanziaria. Deve presentare agli eredi una o più proposte di divisione.

Anche se la successione è sistemata, una divisione ereditaria può essere emotivamente difficile per i superstiti. L’esecutore testamentario sostiene i superstiti nel processo di divisione ereditaria e assume per loro l’amministrazione della successione. Pertanto, può valere la pena di prendere accordi appropriati in anticipo per alleviare il peso sugli eredi, in modo che possano affrontare meglio il processo di lutto.

Cosa dovreste considerare

  • Riflettete se per la vostra successione vi andrebbe bene la successione legale o se volete discostarvene con una disposizione testamentaria.
  • Se la vostra successione contiene beni come immobili o altri oggetti di valore, può avere senso nominare un esecutore testamentario per gestire la successione. Lo consigliamo anche se c’è il rischio che gli eredi possano litigare.
  • Nel nostro downloadcenter trovate, tra le altre cose, un modello per la nomina di un esecutore testamentario.

Potrebbe anche interessarvi questo

Leave a Reply