Marlies e Georges Bertschmann sostengono Pro Infirmis: «Le persone con disabilità hanno bisogno di una buona rete»

Fare del bene. Pensare agli altri. Marlies e Georges Bertschmann di Zurigo ci raccontano perché nei loro testamenti hanno preso in considerazione vari enti assistenziali.

Sono due persone felici, Marlies e Georges Bertschmann. Noi, tutti vaccinati, ci salutiamo con il gomito. L’appartamento alla periferia di Zurigo è luminoso e arredato in modo confortevole. È grazie alla tempesta che ora possono vedere fino alla vicina scuola, dice Marlies Bertschmann, una vivace anziana a cui non avrei dato i quasi ottant’anni.

Lei sorride. Si muove con leggerezza per l’appartamento, serve caffè e torta. Suo marito annuisce quando gli chiedo se ha disegnato i quadri sul muro. «Ho iniziato a farlo quasi 50 anni fa. Mia zia mi ha mostrato alcuni trucchi manuali, il resto l’ho imparato io. Ho allestito un atelier qui in cantina.»

«Barca a vela sul Lago di Sils». Georges Bertschmann con uno dei suoi quadri. (Foto: Peter Lauth)

Sulla strada per tutta la vita

Usa esclusivamente colori a olio, dipinge su tela, dice il camionista di lunga data, che ha imparato una professione creativa e artigianale. «Ho fatto un apprendistato come mastro ferraio e fabbro edile. Dopo di che, sono passato alla strada di campagna e non ho lasciato il volante per 25 anni.» Dopo il suo pensionamento anticipato a 62 anni, Georges ha guidato per qualche tempo per l’organizzazione «Nez Rouge».

Georges Bertschmann è cresciuto a Basilea. «Sono nato nel 1941 ed ero figlio unico», racconta. «Ciò ha vantaggi – e svantaggi. Devi lavare i piatti da solo, sei spesso da solo – ed è per giunta tutta colpa tua.» Ride, come farà molte altre volte.

Poi vuole sapere per quale club batte il mio cuore? Per il FCZ, da 60 anni, rispondo. E parliamo di calcio, di passione e di come affrontare la sconfitta. Marlies Bertschmann dice: «Mi dà fastidio quando i fan si comportano da vandali, rompono le cose. Non va bene.» Suo marito scuote la testa. Dice: «Quando il Basilea perdeva abbassavamo la testa e tornavamo a casa. Non abbiamo mai distrutto nulla.»

Marlies Bertschmann
Marlies Bertschmann ha lavorato per 27 anni per un medico a Zurigo. (Foto: Peter Lauth)

Felicemente sposati da 30 anni

Marlies Bertschmann conosce il suo quartiere da quasi 80 anni. «Sono cresciuta qui ad Albisrieden. Insieme a undici fratelli.» Ride della mia faccia perplessa. Dice: «La mamma ha dato alla luce sei femmine e sei maschi. Ero la seconda più giovane.» I genitori gestivano una latteria. Mio padre tirava il suo carretto per il quartiere fino a sette giorni alla settimana. Consegnava prodotti lattiero-caseari.

Dopo aver completato la scuola secondaria ha fatto un apprendistato come assistente di studio medico e alla fine è rimasta a lavorare da un internista con uno studio a Zurigo. «Ho lavorato per il Dr. Bondolfi per 27 anni.» Rapportarsi con le persone e i loro problemi di salute affascinava Marlies Bertschmann. E lavorare con il dottore significava molto per lei. «Tra noi e il dottor Bondolfi si è formata un’amicizia che è durata tanti, tanti anni», racconta. Fu lui a incoraggiare la coppia a viaggiare per il mondo.

Georges e Marlies si sono conosciuti più di 30 anni fa. «E così ci siamo sposati, ci siamo sposati in chiesa a Willerzell al lago di Sihl.» La fede è importante, dice Marlies Bertschmann. «È più facile per molte persone quando credono in qualcosa.»

Marlies e Georges Bertschmann
Si fidanzarono oltre 30 anni fa sul monte Breithorn nel Vallese: Marlies e Georges Bertschmann. (Foto: Peter Lauth)

Si sono fidanzati sul monte Breithorn

La coppia è rimasta senza figli. I Bertschmann sono stati per 30 anni membri del Club Alpino e hanno conosciuto la Svizzera. E quindi non sorprende il cronista quando apprende che i due si sono fidanzati sul monte Breithorn nel Vallese. 4164 metri sopra il livello del mare hanno promesso di stare l’uno accanto all’altro. Trascorrere la vita insieme.

E dopo il pensionamento hanno goduto di questa vita in tutto il mondo. Marlies Bertschmann guarda il suo Georges. «Abbiamo viaggiato in diversi paesi.»

A Marlies Bertschmann è piaciuto particolarmente in Uzbekistan e Kirghizistan. «Sono paesi colorati con una natura bellissima.» La coppia era anche affascinata dalla città gemella di Zurigo, Kunming. La metropoli di 6,5 milioni di abitanti si trova nella provincia meridionale cinese dello Yúnnán. «Era bello lì. La gente aveva sempre un sorriso per tutti. Come in tutta l’Asia.»

Marlies e Georges Bertschmann
Marlies Bertschmann ride quando il suo Georges racconta la storia della canzone suonata a quattro mani al pianoforte. Questo era troppo per lui. (Foto: Peter Lauth)

Dalla danza su ghiaccio alla line dance

Il sorriso ha giocato un ruolo nell’hobby di Marlies. Ha allenato la danza su ghiaccio per anni. Va ancora a ballare. Oggi la line dance è un hobby molto amato.

Marlies non riuscì a convincere il suo Georges a ballare. Facevano regolarmente tour sugli sci e praticavano molto sport, dice.

Alla domanda riguardo ad altri hobby Marlies Bertschmann ride: «Ho imparato a suonare il pianoforte all’età di 58 anni e vado ogni due settimane a lezione da oltre 20 anni.»

Marlies e Georges Bertschmann
Georges Bertschmann: Insieme a sua moglie ha scelto quattro istituzioni che entrambi vogliono prendere in considerazione nei loro testamenti. (Foto: Peter Lauth)

Rete per le persone con disabilità

Marlies e Georges Bertschmann vivono in modo molto consapevole. L’ultimo ufficio è stato fatto da tempo. La coppia ha anche discusso delle direttive del paziente. I testamenti sono scritti. Marlies Bertschmann: «Siamo d’accordo e sappiamo da tempo quali istituzioni vogliamo prendere in considerazione.» Suo marito annuisce. «Abbiamo selezionato quattro istituzioni. Le sosteniamo da diversi anni.»

Pro Infirmis è una di queste istituzioni. «Una delle mie sorelle soffriva di poliomielite, parlava regolarmente dei convegni di Pro Infirmis», afferma Marlies Bertschmann. Negli anni ha notato quanto sia importante Pro Infirmis per le persone colpite. «Le persone con disabilità hanno bisogno di una rete affidabile.»

Si è tanto parlato della propria generosità

A Zurigo è ancorata molto la relazione con le opere sociali di Pastore Sieber. «Era uno di noi, una grande persona con i piedi per terra. Lo conoscevamo e seguivamo il suo lavoro», racconta Marlies Bertschmann. «Siamo andati ai concerti nella chiesa di Altstetten e abbiamo ascoltato i suoi discorsi.» Georges è d’accordo. «Il suo lavoro, il lavoro della sua gente è importante, ecco perché sosteniamo questa organizzazione.»

Testo: Martin Schuppli, Foto: Peter Lauth

Pro Infirmis è partner di DeinAdieu. Al profilo

Rispondi