Prestazioni complementari all’AVS/AI

Molte persone in Svizzera non riescono a coprire il minimo vitale con le loro pensioni AVS o AI. Le prestazioni complementari sono destinate a colmare le lacune finanziarie. Ciò solleva delle domande: Quali tipi di prestazioni complementari esistono? E chi è autorizzato a usarle?

L’essenziale in breve

  • Le prestazioni complementari sono prestazioni soggette a verifica del reddito e fanno quindi parte del finanziamento dell’assistenza.
  • È necessaria l’iscrizione alle prestazioni complementari. Le prestazioni complementari non vengono concesse automaticamente.
  • Chi ha diritto alle prestazioni del 1° pilastro (AVS/AI) può potenzialmente richiedere le prestazioni complementari. Inoltre, le spese legalmente riconosciute devono essere più numerose delle entrate. Deve quindi esserci un meno.
  • Occorre distinguere tra due tipi di prestazioni complementari: Le prestazioni complementari annuali e l’indennità per spese di malattia e invalidità.
  • Di norma, le prestazioni complementari ricevute dal 1° gennaio 2021 devono essere rimborsate. Tuttavia, l’obbligo sorge solo dopo la morte del beneficiario o del suo coniuge.
  • Se si ritiene di avere diritto a prestazioni complementari, è meglio chiarirlo con la propria cassa di compensazione cantonale. Chi non ha diritto alle prestazioni può trovare informazioni sull’AVS e sulla cassa pensioni qui.

Qual è la funzione delle prestazioni complementari?

Il sistema a 3 pilastri copre i rischi di vecchiaia, invalidità e morte. La previdenza professionale (2° pilastro) è generalmente disponibile solo per i lavoratori dipendenti. D’altra parte, ognuno è libero di fare ulteriori accantonamenti con i risparmi attraverso il sistema pensionistico personale (3° pilastro).

Ma se 2. e e 3 pilastro sono poco o per nulla disponibili? I lavoratori autonomi, in particolare, ne beneficiano raramente. La situazione è simile per le donne che si sono occupate a lungo della casa e dell’educazione dei figli. Queste persone ricevono (quasi) solo prestazioni dal regime pensionistico statale di base (1° pilastro). Inizialmente riceverete le rendite AVS o AI (pilastro 1a).

Se le prestazioni del 1° pilastro non sono sufficienti a coprire il costo minimo della vita (acquisti, spese di cura, affitto, ecc.), si può ricorrere a prestazioni complementari. Questi si basano sulle esigenze specifiche della persona che li riceve.

Quali sono i tipi di prestazioni complementari?

La legge distingue tra prestazioni complementari annuali e rimborso delle spese di malattia e invalidità.

Le prestazioni complementari annuali

Una volta all’anno, i beneficiari ricevono la prestazione complementare sotto forma di pagamento in contanti. Questo importo corrisponde alla somma di cui le spese legalmente riconosciute superano il reddito ammissibile.

La Legge federale sulle prestazioni complementari fornisce un elenco esaustivo di ciò che conta come spesa riconosciuta. Le voci finanziarie più importanti comprendono

  • Spese per la vita di base
  • Costi dell’alloggio
  • Contributi previdenziali
  • Premi di assicurazione sanitaria

Per le spese generali di sostentamento, le persone sole hanno diritto a un importo forfettario di Fr. 20’100, coppie sposate 30’150 possono essere accreditati (stato: 2024). Nel caso dell’affitto e delle spese accessorie, la legge si basa generalmente sui costi effettivamente sostenuti. Tuttavia, esistono importi massimi che dipendono dal numero di persone che vivono nel nucleo familiare e dal luogo di residenza. Se l’immobile occupato è di proprietà degli occupanti, è determinante il valore locativo figurativo. Tuttavia, anche in questo caso si applicano gli importi massimi consentiti per l’affitto.

La legge prevede anche un elenco fisso di fonti di reddito ammissibili. Ad esempio, i redditi che possono essere compensati comprendono

  • 2/3 del reddito da lavoro dopo la deduzione dell’indennità (deve essere dedotta un’indennità di 1.000 franchi per le persone sole e di 1.500 franchi per le coppie sposate)
  • Reddito delle attività
  • Assegni familiari

Rimborso dei costi di malattia e invalidità

L’obiettivo di questo tipo di prestazione complementare è quello di coprire le spese di assistenza costose, come quelle per le case di riposo o i ricoveri ospedalieri. Le spese sanitarie individuali devono essere rimborsate alle persone che ricevono prestazioni integrative annuali. Anche le persone che non ricevono prestazioni integrative annuali hanno diritto al rimborso delle spese mediche e di invalidità se queste superano il loro reddito ammissibile.

L’elenco dei costi di malattia e invalidità previsto dalla legge è esaustivo. Entro 15 mesi dalla fatturazione, gli interessati devono far valere la loro richiesta di risarcimento. Allo scadere di questo periodo, l’organismo competente non rimborserà più le spese.

Chi ha diritto alle prestazioni complementari?

Solo le persone che ricevono prestazioni dal 1° pilastro hanno diritto alle prestazioni complementari. Una rendita AVS o una rendita AI è quindi un requisito indispensabile.

Il destinatario deve essere residente in Svizzera. Le prestazioni complementari non vengono esportate all’estero. Le persone senza cittadinanza svizzera devono aver vissuto in Svizzera per almeno 10 anni senza interruzioni significative. Ai rifugiati si applica una durata minima di 5 anni.

Per avere diritto alle prestazioni complementari annuali, anche il patrimonio netto (= patrimonio meno debiti) del beneficiario deve essere inferiore alle seguenti soglie:

  • Fr. 100.000 per le persone sole
  • Fr. 200.000 per le coppie sposate
  • Fr. 50.000 per gli orfani/bambini che hanno diritto a una pensione

Le autorità competenti non pagano automaticamente le prestazioni complementari. Chi desidera ricevere in futuro prestazioni complementari deve registrarsi presso l’ufficio cantonale per le prestazioni complementari (di solito la cassa di compensazione cantonale). Di norma, il centro prestazioni complementari non effettua pagamenti retroattivi.

Che cos’è il patrimonio netto?

Per poter quantificare il patrimonio netto, non è possibile basarsi esclusivamente sul conto bancario. La legge contiene invece un elenco di redditi da aggiungere al patrimonio e di spese da dedurre dal patrimonio.

Il patrimonio netto viene calcolato sottraendo i debiti accertati dal patrimonio lordo. Dopo che tutto è stato aggiunto o dedotto, il saldo è il patrimonio netto.

Rimborso: Devo rimborsare le mie prestazioni complementari?

A partire dalla revisione della LPG nel 2021, le prestazioni complementari legittimamente ricevute devono essere rimborsate, ma solo dopo il decesso. L’obbligo di restituzione ricade sugli eredi. Se il beneficiario della prestazione complementare era sposato, il rimborso è dovuto solo dopo la morte del coniuge.

La legge consente una franchigia: il rimborso è dovuto solo dalla parte dell’eredità che supera l’importo dell’imposta. supera i 40 000.

Si noti inoltre che solo le prestazioni complementari ricevute dopo il 1° gennaio 2021 sono soggette a rimborso.

Una donazione vale come rinuncia al patrimonio?

Poco prima di entrare in una casa di riposo, gli anziani spesso cedono ai figli la casa in cui hanno vissuto in precedenza. Ciò può essere problematico quando si tratta di stabilire se si ha diritto a prestazioni integrative. I beni a cui si è rinunciato vengono conteggiati come redditi qualificati. Ad esempio, anche se l’immobile non è più di proprietà della persona che ha fatto la donazione, viene aggiunto al patrimonio netto. Ciò può comportare il superamento della soglia. In questo caso, il diritto alla prestazione complementare viene meno a causa della donazione.

La buona notizia è che ogni anno (escluso l’anno di esonero) gli attivi di esonero ammissibili vengono ridotti di Fr. 10’000. È quindi consigliabile donare il bene il prima possibile.

Esempio

I coniugi Tina e Alfred, 59 anni, cedono la casa in cui vivono (valore netto 400.000 franchi) al figlio Hans. Il giorno del loro 81° compleanno si trasferiscono in una casa di riposo. I coniugi richiedono le prestazioni complementari. Il centro prestazioni complementari conta la casa solo per 190.000 franchi, poiché vengono detratti 10.000 franchi per ciascuno dei 21 anni, per un totale di 210.000 franchi. Poiché il loro patrimonio netto è inferiore a 200.000 franchi svizzeri. ricevono prestazioni complementari.

A che punto sono le prestazioni complementari?

Le prestazioni complementari non vengono concesse automaticamente. È richiesta la registrazione. La prima data possibile per l’organizzazione è generalmente l’inizio del mese in cui viene presentata la domanda. Se la domanda viene presentata a metà marzo, le prestazioni complementari saranno erogate non prima del 1° marzo.

La registrazione avviene di solito presso l’ufficio per le prestazioni complementari, che si trova nella cassa di compensazione del cantone di residenza. Poiché le prestazioni complementari dipendono principalmente dalla situazione finanziaria di una persona, l’ufficio delle prestazioni complementari deve ricevere la prova del suo patrimonio. La domanda deve essere inviata all’ufficio competente il prima possibile. Le prestazioni integrative non vengono generalmente concesse con effetto retroattivo. Tuttavia, si può derogare a questa regola se la domanda viene presentata entro 6 mesi dall’emissione della decisione di rendita AVS/AI o dall’ingresso della persona in ospedale o in una casa di cura.

Esempio

Il sig. Ammann ottiene la pensione 2 anni dopo l’iscrizione all’AI (a seconda della situazione, devono essere fatti diversi chiarimenti che possono ritardare la decisione sulla pensione). Il sig. Ammann riceve una rendita AI con effetto retroattivo per 20 mesi. Il sig. Ammann ha ora la possibilità di richiedere prestazioni complementari entro 6 mesi dal ricevimento della decisione sulla pensione. In questo caso, il sig. Ammann riceverà prestazioni complementari retroattive per questi 20 mesi.

Conclusione

Se riuscite ad arrivare a fine mese solo con la vostra pensione, dovreste prendere in considerazione la possibilità di richiedere delle prestazioni complementari. Tuttavia, è necessario stilare preventivamente un elenco della propria situazione finanziaria. In questo modo è possibile verificare se i requisiti di legge sono soddisfatti. Potrebbe essere opportuno richiedere una consulenza legale.

Non avete diritto alle prestazioni? Qui troverete ulteriori informazioni sull’AVS e sulla cassa pensioni.

Potrebbe anche interessarvi

Leave a Reply