Esenzione dall’imposta sulle successioni e donazioni in Svizzera

I cantoni regolano diversamente le imposte relative a successioni, legati e donazioni. Conoscere le singole esenzioni fiscali e i singoli sgravi fiscali può farvi risparmiare un bel po' di imposte. Vale quindi la pena prendere in considerazione i regolamenti cantonali.

Esenzione e sgravio fiscale nei cantoni

Il primo principio del diritto fiscale federale è la generalità dell’imposizione fiscale. Si tratta del principio che tutti i contribuenti devono essere trattati allo stesso modo a seconda delle circostanze. Pertanto, le autorità devono trattare tutti i soggetti fiscali secondo lo stesso ordine giuridico. Perciò sono proibite eccezioni ingiustificate (o aggravi) per singole persone o gruppi nell’imposizione fiscale.

Esenzioni fiscali per eredità e donazioni

Nel caso delle imposte sulle successioni e donazioni in particolare, è però così che in alcuni casi l’esenzione o lo sgravio fiscale di certe persone o circostanze è ben giustificato o addirittura necessario. Ciò vale in particolare per le eredità, i legati o le donazioni a coniugi, partner e familiari stretti. Essi hanno una relazione stretta e speciale con il de cuius, ossia il donatore, e i trasferimenti di beni a loro favore non dovrebbero quindi essere gravati tanto quanto quelli a terzi.

Molti cantoni dividono quindi i beneficiari in diverse fasce di contribuenti, di solito tra uno e cinque, secondo la loro relazione con il de cuius o donatore: più stretta è la relazione, più favorevole è la trasmissione dell’eredità. Alcuni gruppi di persone sono esenti dall’imposta sulle successioni e donazioni quasi ovunque (coniugi, partner registrati e discendenti), altri nella maggior parte dei casi (antenati, soprattutto genitori) o altri solo a volte (partner di vita o partner in concubinato).

Approfittare di diverse fasce di contribuenti

Se non c’è esenzione fiscale, i familiari stretti di solito cadono in una fascia di contribuenti più favorevole rispetto a lontani parenti, e questi ultimi a loro volta sono privilegiati nei confronti di terzi. Una fascia di contribuenti più favorevole può essere definita da importi esenti dal pagamento di imposte, da aliquote d’imposta più basse o entrambe le cose, che insieme danno luogo a un doppio beneficio. Una panoramica dettagliata può essere trovata nella nostra tabella delle imposte sulle successioni.

Importi esenti e aliquote d’imposta progressive

Non dovete pagare la stessa quantità di imposte su ogni franco che lasciate in eredità o regalate. Questo ha lo scopo di soddisfare il principio della tassazione secondo la capacità economica.

La maggior parte dei cantoni conosce inizialmente un importo esente, il quale viene dedotto dal valore dell’agevolazione del beneficiario a seconda della sua fascia di contribuente. Oppure c’è un limite di esenzione, al di sotto del quale non è dovuta alcuna imposta. Questi limiti sono di solito più alti quanto più stretta è la relazione tra le parti. Nel caso delle imposte sulle successioni, questo importo esente si applica naturalmente solo una volta per ogni erede, cioè nel caso di successione in seguito alla morte del de cuius.

L’imposta sulle donazioni

La situazione è diversa per le imposte sulle donazioni: qui, il trasferimento di beni avviene per definizione tra vivi. Pertanto, c’è talvolta un limite di esenzione per donatore e per periodo di tassazione (spesso corrisponde all’anno civile). Quindi può avere senso dal punto di vista fiscale fare dei pagamenti più piccoli in diversi anni invece di una grande donazione (o eredità). Molti cantoni, invece, basano la loro imposta sulle donazioni sull’importo totale per un periodo di tempo più lungo, il che può comportare correzioni e ulteriori pretese. I cosiddetti «regali d’uso» (Natale, compleanni, ecc.) con un valore inferiore a CHF 5’000 sono generalmente esenti da imposte.

L’ammontare dell’imposta varia a seconda della fascia di contribuente

Solamente se superate un determinato importo esente da imposta o un limite di esenzione dovete pagare le imposte. Ma di che importo si tratta? Oltre alla fascia di contribuente del destinatario, come spiegato sopra, dipende spesso dalla somma del patrimonio trasferito. Le aliquote dell’imposta sulle successioni e donazioni sono per lo più progressive. Ciò significa che aumentano con il valore della base di calcolo d’imposta. L’aliquota massima d’imposta può così arrivare fino al 49,5% (cantone BS, fascia di contribuenti più alto, a partire da CHF 3 Mio.). Anche per questo motivo, una pianificazione fiscale tempestiva e la divisione del favoreggiamento in diverse parti della somma può aiutare a risparmiare denaro.

Nel caso delle imposte sulle successioni e donazioni, come ovunque nel diritto fiscale, si applicano i principi di generalità, uguaglianza e tassazione secondo la capacità economica. Per conciliare le loro esigenze contraddittorie, i cantoni fanno uso di diverse esenzioni e sgravi fiscali.
Da un lato, queste si applicano a determinati destinatari stretti o imparentati con il de cuius o donatore o per la loro situazione personale (rapporto di servizio, incapacità al lavoro, scopo benefico, ecc.). Dall’altra parte gli importi esenti da imposta e la progressione delle aliquote possono dipendere dal valore del patrimonio trasferito. In molti casi sono consentite detrazioni per le spese in relazione al trasferimento di proprietà (ad es. debiti del de cuius, spese funerarie e procedurali).[/servicebox]

L’essenziale in breve

  • Informatevi come le imposte sulle successioni e donazioni sono regolamentate in modo specifico nel vostro cantone. Per quanto riguarda l’imposta sulle successioni, trovate qui una panoramica.
  • Volete donare una certa somma a qualcuno? Come primo passo, verificate se dovete pagare l’imposta sulle donazioni nel vostro cantone per questa donazione.
  • Se desiderate lasciare ad una persona l’importo con una disposizione a causa di morte, potete registrare la vostra volontà nel nostro generatore di testamento.

Altri articoli sul tema

Leave a Reply