Beneficio d’inventario – Il bilancio del defunto

La divisione ereditaria inizia con la morte di una persona. Poiché la situazione finanziaria del defunto è spesso poco chiara, il beneficio d'inventario aiuta. Esso facilita le decisioni relative alla massa ereditaria e fornisce chiarezza sulla sua composizione.

Quando si compila quale inventario?

La determinazione della successione inizia di solito con un inventario obbligatorio. Questo è necessario per calcolare l’imposta sulla successione e la divisione ereditaria. Ogni erede può chiedere il beneficio d’inventario entro un mese dal caso di decesso. La visione di un tale inventario permette ad ogni erede di chiarire il suo diritto all’eredità a livello pecuniario. Tuttavia, non esistono diritti diretti su cose, a meno che ciò non sia previsto nel testamento.

La compilazione del beneficio d’inventario è particolarmente raccomandata nei casi di incertezza su quanto rende un’eredità. L’inventario va richiesto alla stessa autorità a cui dovrebbe essere notificata la rinuncia. Di solito si tratta del tribunale distrettuale dell’ultimo luogo di residenza del defunto. Tuttavia, ci possono essere differenze cantonali (per un confronto: Berna, Lucerna, Zurigo). Nel nostro downloadcenter trovate un modello per la richiesta di beneficio d’inventario.

Dopo che è stato compilato l’inventario, gli eredi hanno tempo un mese per chiarire cosa sarà dell’eredità da quel momento in poi. Il vantaggio del beneficio d’inventario è che la responsabilità dell’erede all’accettazione dell’eredità è limitata ai debiti elencati. Ne consegue che gli eredi devono subentrare sia nell’attivo che nel passivo del defunto.

La grida

Come descritto, l’inventario è costituito dall’attivo e dal passivo del defunto. Ciò significa che l’autorità competente invita tutti i debitori e i creditori a notificare i loro debiti e crediti. Mediante ciò si crea l’inventario.

A tal fine, l’ufficio pubblica i dati personali del defunto. Poi viene fissato un termine per la registrazione dei creditori e dei debitori. Inoltre, viene fornita una nota sulle conseguenze in caso di mancata notificazione. Decorso il termine, l’inventario è chiuso.

Attenzione alla trappola dei costi!

Normalmente, le spese di compilazione dell’inventario sono addebitate direttamente all’eredità. Tuttavia, se è improbabile che la liquidità dell’eredità sia sufficiente a coprire le spese, l’ufficio competente richiede al richiedente di anticipare le spese. Questo può ammontare a diverse migliaia di franchi. Inoltre, ci sono le spese dei tribunali. Se ci sono fondi sufficienti nell’eredità, l’erede che presenta la domanda sarà risarcito. In caso contrario è responsabile dell’anticipo delle spese. Quindi riflettete attentamente se vale la pena fare un inventario. Soprattutto nel caso di piccole eredità non è necessariamente il caso.

Su cosa si può riflettere:

  • L’eredità potrebbe essere distribuita ingiustamente?
  • Ci sono beni che sono stati originariamente prestati o dati via dal defunto?
  • La situazione finanziaria del defunto è così chiara che gli eredi riescono ad avere una visione d’insieme?
  • I debiti (passivi) del defunto potrebbero superare di gran lunga i valori patrimoniali (attivi)?
  • È consigliabile rifiutare l’eredità?
  • L’eredità coprirà probabilmente l’anticipo delle spese?
  • Vale la pena spendere soldi se l’eredità non copre l’anticipo delle spese?

Cosa potrebbe anche interessarvi:


Leave a Reply