Come posso reimmatricolare un veicolo dopo un decesso?

Anche l'auto della persona deceduta fa parte dell'eredità. Dopo il decesso, la persona deceduta deve essere cancellata come proprietario del veicolo e il veicolo deve essere trasferito al nuovo proprietario. A tal fine è necessario effettuare le registrazioni corrispondenti presso la compagnia di assicurazione del veicolo e l'ufficio della circolazione stradale, nonché presso l'eventuale società di leasing.

L’essenziale in breve:

  • L’eredità di un’autovettura avviene come quella di altri beni ereditari. Tuttavia, gli eredi devono anche farsi carico dell’assicurazione RC auto e provvedere alla reimmatricolazione del veicolo a nome del nuovo proprietario.
  • Nel caso di auto in leasing, la reimmatricolazione richiede il consenso della società di leasing. Gli eredi devono innanzitutto contattare la società di leasing per chiarire i passi successivi.
  • Il veicolo di una persona deceduta viene reimmatricolato presso l’ufficio cantonale della circolazione stradale. A tal fine esistono appositi moduli che devono essere presentati insieme agli allegati richiesti. Gli uffici cantonali del traffico stradale forniscono informazioni sui loro siti web o per telefono.

Come si eredita un’auto?

Per un’autovettura (o un altro veicolo a motore come una moto) valgono gli stessi principi del diritto successorio di tutti gli altri beni mobili: il veicolo entra a far parte dell’eredità alla morte del testatore. Diventa quindi proprietà comune di tutti gli eredi per effetto della legge. Possono disporne all’unanimità solo fino alla definizione della divisione dell’eredità. Se c’è un solo erede, la divisione viene annullata e l’erede diventa immediatamente l’unico proprietario del veicolo.

Per quanto tempo puoi guidare l’auto di una persona deceduta?

Tuttavia, l’auto ha una particolarità: per poter circolare sulle strade pubbliche, deve essere riscattata o immatricolata presso l’ufficio cantonale del traffico stradale del luogo di residenza del proprietario. Di norma (ma non necessariamente), un’auto viene immatricolata a nome della persona che ne è anche il proprietario. Tuttavia, il proprietario del veicolo può essere solo una persona vivente. L’auto deve quindi essere immatricolata a nome del nuovo proprietario entro un mese dalla morte del defunto. Questo può coinvolgere una o più persone (ad esempio, una comunità di eredi). Queste persone sono iscritte nella licenza del veicolo e sono legalmente responsabili dell’auto.

Se entro il termine di un mese non è ancora chiaro chi erediterà l’auto, la comunità degli eredi viene registrata come proprietario di maggioranza fino alla suddivisione. Secondo il Tribunale Federale,“la persona per conto della quale e a rischio della quale il veicolo viene utilizzato e che ne ha il controllo effettivo e diretto” è il principale responsabile dell’auto. Se la licenza di circolazione riporta la comunione ereditaria, ma solo i singoli eredi utilizzano il veicolo, questi ultimi sono responsabili in caso di incidente come detentori ai sensi della LCStr.

Per poter riscattare un’auto, è necessario disporre di un’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli a motore. Di norma, il defunto ha stipulato un contratto con una compagnia assicurativa a questo scopo. Questa assicurazione non cessa automaticamente alla morte dell’assicurato. Piuttosto, lo status giuridico di parte contraente, proprio come l’automobile stessa, viene trasferito agli eredi al momento della morte.

Talvolta le condizioni generali di assicurazione prevedono un diritto speciale di cancellazione in caso di decesso del contraente originario. In questo caso, gli eredi possono scegliere se sottoscrivere il contratto di assicurazione del defunto o stipulare una propria assicurazione di responsabilità civile. Se il contratto non prevede un diritto di recesso speciale, gli eredi possono annullare o modificare l’assicurazione alla successiva data regolare.

Qual è la situazione di un’auto in leasing?

Sempre più spesso le auto vengono prese in leasing anziché acquistate. In questo caso, l’auto è di proprietà del locatore (di solito una società specializzata nel leasing di veicoli); il locatario può utilizzare l’auto in cambio del pagamento di canoni periodici e si assume il rischio associato al suo utilizzo. Come nel caso dell’assicurazione, si tratta di un rapporto contrattuale che viene ereditato insieme al possesso (non alla proprietà) dell’oggetto del leasing, cioè l’auto.

Poiché la società di leasing è sempre proprietaria del veicolo, solo essa può richiedere il cambio di detentore. L’ufficio stradale competente può trasferire l’auto a un nuovo proprietario solo su richiesta della società di leasing. Pertanto, gli eredi di un’auto in leasing devono innanzitutto contattare la società di leasing. Si cercherà quindi di trovare insieme una soluzione, sia che gli eredi continuino il contratto di locazione, sia che ricevano un’offerta di restituzione o di acquisto dell’auto.

Come si fa a reimmatricolare un’auto quando la si rileva da una persona deceduta? Ci sono differenze nel subentrare a una persona viva?

La procedura di reimmatricolazione di un’auto dopo un decesso è simile a quella per l’acquisto di un’auto usata. La differenza principale sta nei documenti che devono essere presentati all’ufficio della circolazione stradale: Oltre ai consueti documenti come il modulo di richiesta, la carta di circolazione, l’assicurazione e il documento d’identità, gli eredi devono presentare anche documenti giustificativi come il certificato di morte o il certificato di eredità.

In molti cantoni il modulo di richiesta è disponibile online (ad esempio a Basilea, Berna, San Gallo e Zurigo). Potete stamparlo, compilarlo, firmarlo e presentarlo insieme agli allegati indicati di persona o per posta. L’Ufficio Licenze Stradali vi contatterà quindi per i passi successivi. Per la reimmatricolazione dell’autovettura possono essere previste spese amministrative a due o tre cifre.

Si noti inoltre che: Non esiste il diritto di conservare la targa utilizzata dal defunto in caso di cambio di proprietario. Su richiesta dell’Ufficio delle licenze stradali, le vecchie targhe devono quindi essere restituite o sostituite con nuove targhe nell’ambito del passaggio di proprietà.

Il Cantone di Lucerna ha pubblicato la propria“Lista di controllo per il trasferimento o il deposito delle targhe in caso di decesso“. Gli scenari e le procedure illustrate sono molto simili in altri cantoni, pertanto questa lista di controllo costituisce un buon riferimento per la reimmatricolazione di un’auto dopo un decesso.

Altri articoli su questo argomento

Leave a Reply