Donazione di organi: cosa si applica?

Il progresso medico e sociale permette di salvare sempre più vite attraverso la donazione di organi. Con la revisione della legge sui trapianti, in Svizzera verrà introdotta la cosiddetta "soluzione dell'obiezione estesa". Nel testo che segue vi spieghiamo cosa significa per voi.

L’essenziale in breve

  • “Donazione di organi” è un termine generico che indica il prelievo di organi o tessuti cellulari da una persona (solitamente deceduta) per essere utilizzati da un’altra persona che ne ha bisogno. La procedura medica è nota come “trapianto di organi”.
  • In linea di principio, qualsiasi persona può essere candidata alla donazione di organi, a condizione che i suoi organi siano in condizioni tali da consentire un trapianto valido dal punto di vista medico.
  • La decisione di approvare o rifiutare una donazione di organi può essere presa, in particolare, dal paziente. può essere registrato su una tessera di donatore di organi, in un testamento biologico o in un fascicolo elettronico del paziente.
  • Con la soluzione del consenso (vecchio diritto), la persona deceduta deve aver dato il suo consenso in vita o i suoi parenti devono averlo dato successivamente. In caso contrario, non è consentito l’espianto di organi.
  • Con la soluzione dell’obiezione estesa (nuova legge), ogni persona deceduta che non si è espressamente opposta in vita è considerata un donatore di organi. Tuttavia, in assenza di una dichiarazione, devono sempre essere consultati i parenti più stretti; il prelievo di organi non è comunque consentito senza consultarli.

Il controprogetto indiretto all’iniziativa popolare “Promuovere la donazione di organi – salvare vite umane” è stato adottato nel referendum del 15 maggio 2022. In sostanza, l’obiettivo era quello di sostituire la precedente soluzione di consenso con una soluzione di obiezione. A tal fine, si prevede di modificare la legge sui trapianti e le relative ordinanze entro il 2026.

Ma prima di tutto: Cosa significa effettivamente “donazione di organi”, come era regolamentata in precedenza in Svizzera e cosa cambierà per voi con la revisione della legge?

Cosa significa “donazione di organi e trapianto di organitrapianto?

In Svizzera, ogni persona può donare fino a sei organi diversi. Si tratta di cuore, polmoni, fegato, reni, pancreas e intestino tenue. È anche possibile donare tessuto cellulare. Questi includono la cornea, le valvole cardiache e i vasi sanguigni più grandi, le ossa, la cartilagine, i tendini e i legamenti. Tutte queste donazioni di organi e tessuti vengono solitamente riassunte sotto il termine“donazione di organi“.

Le procedure mediche che devono essere eseguite per prelevare un organo donato e impiantarlo in un’altra persona sono definite collettivamente“trapianto di organi“.

Chi può donare gli organi?

In linea di principio, chiunque può donare gli organi, indipendentemente dall’età. Se e quali organi possono essere donati nei singoli casi dipende principalmente dalle loro condizioni. Anche le persone con patologie preesistenti possono donare i propri organi, a condizione che gli organi stessi siano sani. Tuttavia, alcune malattie, come la rabbia o l’avvelenamento del sangue, possono impedire tutti i tipi di donazione di organi. Prima di un trapianto, gli specialisti utilizzano criteri medici per valutare se la donazione di organi è possibile e appropriata.

Sebbene la donazione di organi (ad esempio di reni o fegato) sia possibile durante la vita di una persona in determinate circostanze, il dibattito si concentra solitamente sulla donazione di organi dopo che una persona è stata diagnosticata medicalmente come morta.

Dove e come è regolamentata la donazione di organi in Svizzera?

La donazione di organi in Svizzera è regolata dalla Legge sui trapianti e dalle relative ordinanze. A partire dall’inizio del 2024, ciò comporta i seguenti requisiti e processi:

La soluzione del consenso

Se una persona muore in circostanze che rendono possibile il trapianto di organi, si verifica se è stato dato un consenso valido alla donazione di organi (la cosiddetta“soluzione del consenso” o“soluzione dell’assenso“).

  • Gli organi o i tessuti possono essere prelevati solo in presenza di un consenso verificabile da parte della persona deceduta. Se il consenso è stato dato tramite uno dei documenti elencati di seguito (tessera di donatore di organi, testamento biologico o EPD), il parente più prossimo verrà informato. Questo incontro informativo è richiesto dalla legge.
  • Se non è documentata alcuna dichiarazione della persona deceduta, si chiede ai parenti più prossimi se conoscono le volontà della persona. In caso contrario, il parente più prossimo deve dare il proprio consenso nell’interesse della persona interessata o rifiutare la donazione di organi. Il termine “parente prossimo” si riferisce ai partner conviventi (coniugi, partner registrati, conviventi), ai figli, ai genitori, ai fratelli, ai nonni, ecc. La persona che aveva un legame più stretto con il defunto è autorizzata a prendere decisioni. Anche le persone di fiducia nominate dal defunto hanno gli stessi diritti dei parenti più prossimi.
  • Se la persona deceduta non ha espresso la propria volontà e non è possibile contattare i parenti, non è possibile prelevare organi o tessuti.

Come posso registrare il mio consenso?

È possibile registrare il proprio consenso con i seguenti documenti:

  • Carta per la donazione di organi: sulla carta per la donazione è possibile registrare in dettaglio se si desidera donare tutti o solo alcuni organi o tipi di tessuto. Potete anche rifiutare una donazione in generale o delegare la decisione a una specifica persona di fiducia. I dati della tessera di donatore non vengono registrati; è quindi opportuno portarla con sé o lasciarla in un luogo noto ai parenti. La carta di donazione può essere ordinata gratuitamente online.
  • Direttiva del paziente: Con una direttiva del paziente, potete specificare a quali misure mediche acconsentite (o no) se non siete più in grado di decidere per voi stessi. Poiché la donazione di organi è anche una misura medica, è possibile regolamentarla anche in una direttiva del paziente. Conservate anche la direttiva del paziente in un luogo dove possa essere facilmente reperita in caso di necessità e, se necessario, fatene annotare l’esistenza sulla vostra tessera sanitaria. La Croce Rossa Svizzera offre anche un deposito per le direttive dei pazienti.
  • Cartella clinica elettronica (EPR): è possibile memorizzare i dati sanitari nell’EPR e stabilire chi è autorizzato ad accedervi. Si può anche inserire la tessera di donatore di organi. Ulteriori informazioni sono disponibili sulla piattaforma informativa ufficiale EPR di eHealth Suisse, della Confederazione e dei Cantoni: Patientendossier.ch.
  • Importante: il testamento non è adatto a regolare la donazione di organi. Questo perché spesso i testamenti vengono aperti solo settimane o mesi dopo la morte dell’autore. Nella maggior parte dei casi, il funerale è già stato completato e gli organi, i tessuti e le cellule non possono più essere trapiantati.

Qual è la procedura per la donazione degli organi?

Per garantire che gli organi donati rimangano intatti, il prelievo deve essere effettuato il prima possibile dopo la morte del donatore da personale medico specializzato. Per questo motivo, le persone che al momento del decesso si trovavano in un ospedale o nelle sue vicinanze sono particolarmente adatte come donatori di organi. Il prelievo di organi da donatore lascia solo una “normale” cicatrice chirurgica, in modo che i parenti possano salutare la persona deceduta con dignità.

L’ordinanza sull’allocazione degli organi contiene le regole su chi riceve un organo da donatore: In base ad essa, viene tenuta una lista d’attesa basata sui criteri principali di “urgenza medica”, “beneficio medico”, “caratteristiche prioritarie” (ad es. età, gruppo sanguigno, incompatibilità) e “tempo di attesa”.

Potete trovare maggiori dettagli sul processo di donazione degli organi sul sito web o negli opuscoli e nelle presentazioni della Fondazione nazionale svizzera per la donazione e il trapianto di organi(Swisstransplant).

Cosa cambierà con la revisione della legge?

Non ci sono alternative alla soluzione del consenso attualmente in vigore in Svizzera (e anche in Danimarca, Irlanda e Lituania, tra gli altri). In particolare la prassi dei Paesi vicini ha influenzato i legislatori svizzeri nelle loro deliberazioni.

Quali sono le alternative alla soluzione del consenso?

In Europa, le normative sulla donazione di organi sono diverse e dettagliate da Paese a Paese. Tuttavia, questi possono essere essenzialmente riassunti in tre modelli che possono essere confrontati con la soluzione del consenso:

  • Soluzione decisionale: con la soluzione decisionale si compie uno sforzo particolarmente intenso per incoraggiare l’individuo a prendere una decisione. Ad esempio In Germania, le compagnie di assicurazione sanitaria inviano regolarmente opuscoli informativi e moduli agli assicurati, incoraggiandoli a considerare la questione e a prendere decisioni.
  • Soluzione dell’obiezione: La soluzione dell’obiezione (semplice) si applica, ad esempio in Francia, Italia e Austria. In questo modello, qualsiasi persona che non si opponga espressamente prima della morte è idonea alla donazione di organi. In linea di principio, i parenti non hanno diritto di codecisione.
  • Soluzione dell’obiezione estesa: questo metodo, particolarmente diffuso in Scandinavia, viene data anche ai parenti della persona deceduta la possibilità di impedire il prelievo degli organi.
mappa europa: soluzioni per la donazione di organi
Figura 1: Confronto a livello europeo delle soluzioni per la donazione di organi. Presentazione di Swisstransplant

Quali sono le nuove normative in vigore in Svizzera?

Con la revisione della legge sui trapianti, la Svizzera sta introducendo una normativa nota come“soluzione di obiezione estesa“. Si tratta di un compromesso tra l’obiettivo dell’autodeterminazione sul proprio corpo e quello di salvare vite umane grazie alla maggiore disponibilità di organi da donare.

L’inclusione dei parenti, che possono fare obiezione per conto della persona deceduta, è particolarmente importante nella soluzione dell’obiezione estesa:

  • Chiunque muoia dopo l’entrata in vigore della revisione sarà generalmente considerato un donatore di organi, a meno che non abbia dichiarato in vita di non voler donare.
  • Se non c’è una dichiarazione corrispondente, vengono consultati anche i parenti più prossimi nel caso della soluzione di obiezione estesa. Possono opporsi al prelievo di organi se sanno o sospettano che la persona deceduta avrebbe deciso di non farlo.
  • Se non c’è una manifestazione di volontà e non è possibile contattare i parenti nonostante le ricerche, il prelievo di organi è vietato anche in base alla soluzione dell’obiezione prolungata. Il trapianto di organi non è quindi consentito senza consultare i parenti, anche se non è stata sollevata alcuna obiezione ma non è stato possibile ottenere chiarimenti con i parenti. Questo è un limite significativo del principio di contraddizione.

Questa revisione è attualmente ancora in fase di preparazione. Il governo federale creerà anche un registro in cui inserire le dichiarazioni sulla donazione di organi.

Cosa devo considerare se (non) voglio diventare un donatore di organi?

Tutte le precedenti dichiarazioni di volontà continueranno a essere valide. Cambia solo la gestione dei casi in cui una persona non ha espresso la propria intenzione di donare.

È già possibile registrare il proprio consenso o rifiuto alla donazione di organi su una tessera per la donazione di organi, in una direttiva del paziente o nell’EPD (vedi sopra). Questo rimarrà valido anche con la soluzione dell’obiezione.

Per qualsiasi domanda sui requisiti e sulle procedure, è meglio rivolgersi a un medico di fiducia. È meglio informare anche i parenti della vostra decisione.

Questo potrebbe interessarti anche:

Leave a Reply